Teramo, Provincia: una carta amica per 6000 studentesse

Realizzata dall’Assessorato alle Politiche sociali, giovanili e sanità la card  contro la violenza di genere

TERAMO – L’Assessorato alle politiche sociali  ha ideato e realizzato una “card” contro la violenza di genere da distribuire a 6000 studentesse.

Si presenta come una classica “card”; plastificata, sottile, leggera. Una “carta amica” per avere sempre a portata di mano i numeri giusti: quelli del Centro antiviolenza “La Fenice”, delle forze dell’Ordine e della rete di assistenza sanitaria.

L’Assessorato alle Politiche sociali, giovanili e sanità  per domani, alla sala audiovisi della Biblioteca Delfico, ha organizzato un incontro con la Consulta degli studenti delle scuole superiori per decidere insieme come, e con quali iniziative di sensibilizzazione rispetto al problema della violenza sulle donne e sui minori, distribuire la carta.

La violenza contro le donne è un fenomeno esteso, anche se molto spesso sommerso e per questo sottovalutato. La violenza di genere è stata definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come un problema di salute pubblica che incide gravemente sul benessere fisico e psicologico delle donne e di tutti coloro che ne sono vittima.Quindi ben vengano iniziative come quelle della Provincia di Teramo, che certamente servono a tenere alta l’attenzione sul problema e a sensibilizzare le giovani donne su come eventualmente affrontarlo.

Ha  spiegato  il vicepresidente Renato Rasicci:

ne abbiamo fatto realizzare 6000 copie destinate alle studentesse delle scuole superiori , ma vogliamo confrontarci con la Consulta per studiare insieme ai diretti protagonisti, i giovani, una serie di iniziative di sensibilizzazione; non ci vogliamo limitare ad una mera distribuzione ma vogliamo che questa diventi l’occasione per riflettere con loro su un fenomeno che per numeri e conseguenze sociali è fra i più gravi che si registrano.