Teatri Paralleli: di scena “Ballo, amore e fantasia”

combriccolaQuesta sera a partire dalle 21.15 andrà in scena nel piazzale antistante la scuola media di Torano Nuovo il quinto appuntamento del Festival di teatro delle differenze “Teatri Paralleli”, diretto da Ottaviano Taddei: “Ballo, amore e fantasia” della compagnia

La Combricola dell’Azienda U.l.s.s. 18 di Rovigo. Dopo lo spettacolo la Compagnia del Gran Teatro della Piccola Opera Charitas di Giulianova proporrà “’O munno d’ ’e pparole” che non ha messo in scena quando previsto a causa di un lutto che ha colpito la comunità: reciteranno poesie napoletane di autori come Antonio De Curtis ed Eduardo De Filippo.

Nata nel 2004 grazie alle attività teatrali svolte nei Centri Diurni aziendali, la compagnia La Combriccola è composta da una ventina di attori diversamente abili con alla regia Viviana Larcati e metterà in scena uno spettacolo misto di prosa, musica, ballo, canto e sketch comico-leggeri ambientati in una sala da ballo di paese, luogo non solo di divertimento e di incontro, ma soprattutto di corteggiamento. Il tema del corteggiamento amoroso è un tema che coinvolge tutti e che ha appassionato gli attori.

L’attività teatrale, presente da anni nei Centri Diurni dell’Azienda ULSS 18 di Rovigo, è riconosciuta come importante strumento per stimolare la socializzazione, la libera espressione e l’integrazione con il territorio. Gli attori hanno realizzato i quadri comici con facilità e naturalezza dando libero sfogo all’improvvisazione, confermando ancora una volta la loro bravura dopo la vittoria, nel 2008, del festival di Rovigo Teatro ed handicap con lo spettacolo “Una cucina pepata”.

Il Festival è stato reso possibile grazie al rinnovato impegno della Fondazione Tercas, che ha creduto nell’importanza e nell’innovatività dell’intero progetto, e al Comune di Torano Nuovo, che quest’anno viene affiancato dall’Unione dei Comuni della Val Vibrata che patrocina l’iniziativa. Le compagnie ospiti appartengono al territorio teramano e a quello di varie città italiane che da anni vivono le problematiche legate al sociale come un momento di crescita civile. L’organizzazione è a cura della Cooperativa Sociale La Formica, che si occupa dal 1994 di giovani diversamente abili della Val Vibrata, in collaborazione con l’Associazione L’Istrione, la Pro Loco di Torano e la compagnia Terrateatro.