Scambio gratuito di libri sulle spiagge di Pescara e Montesilvano

L’iniziativa promossa dall’Associazione +39 e ideata e coordinata da Damiano Russo apre la strada ad    nuovo modo di vivere la cultura sulla costa pescarese

PESCARA  – E’ stata presentata ieri in conferenza stampa “Stile Libro” , l’iniziativa promossa dall’Associazione +39 e ideata e coordinata da Damiano Russo che apre la strada ad un nuovo modo di vivere la cultura sulla costa della provincia di Pescara. Infatti alcuni tra i migliori stabilimenti balneari  ospiteranno  il nuovo servizio che  organizza, attraverso librerie d’artista, lo scambio gratuito di libri sulle spiagge.

L’iniziativa che ha avuto  il patrocinio di Regione Abruzzo, Provincia di Pescara, Comune di Pescara, Comune di Montesilvano e Camera di Commercio è finalizzata alla promozione  della lettura attraverso forme di partecipazione e aggregazione sociale nuove oltre a   favorire lo sviluppo di un senso di collettività e appartenenza ad un comunità locale. Inoltre essendo la formula organizzativa innovativa e mai sperimentata in Europa in altri tratti di costa, Stile Libro potrebbe avere il potenziale per favorire l’emergere di un’immagine positiva e di questo territorio.


Il teatro di questo progetto di cultura partecipativa sarà la costa della provincia e specificatamente 9 stabilimenti balneari tra la Marina Nord di Pescara e Montesilvano: Salus, Lido Beach, Venere, 4Vele, La Maya, La Lampara, Voglia di Mare, La Vela, Europa Mare.

L’evento di inaugurazione è previsto mercoledì 13 luglio a piazza della Rinascita a partire dalle 18.45, dove sarà creato un percorso di 25 metri con le librerie d’artista che successivamente saranno installate negli stabilimenti.Sarà l’occasione per offrire il buon esempio alla città attraverso la donazione di almeno un libro da riporre negli scaffali che in piazza saranno presentati completamente vuoti.  Due i main sponsor di Stile libro: Elecom Abruzzo e Il Delfino Pescherie e Catering, realtà industriali abruzzesi di successo sensibili alla cultura.

Saranno presenti anche i rappresentanti delle istituzioni locali oltre a una ventina di gruppi sociali (Associazioni, Club, Ordini Professionali, etc.) e scrittori ai quali è stato chiesto di donare un libro per dare “il buon esempio” alla città. Più di mille persone contribuiscono donando libri creando un patrimonio collettivo di partenza.

Le librerie d’artista che saranno installate nelle strutture balneari sono state realizzate da Ivan Berghella, Davide Cocozza e Carlo Alberto Giuliani, Luca Di Cesare, Alessandra Galloppa, Danny Jockert, Matteo Liberi, Fabrizio Verrigni con la collaborazione del team di RUOTA PIU e White Shark Crew.

In ogni stabilimento sarà installata una libreria d’artista dedicata, capace di ospitare un centinaio di libri di generi e lingue diverse, ad eccezione dei manuali scolastici e riviste. A partire dal 15 Luglio e per 7 settimane chiunque potrà recarsi in una di queste location per cercare nella libreria d’artista un volume di proprio gradimento e dopo averlo trovato potrà scambiarlo con uno portato da casa. Chi non lo dovesse trovare potrà recarsi in un altro stabilimento balneare protagonista dell’iniziativa e fare una nuova ricerca. Aderiscono anche due location ricche di significati e di storia, cioè l’Aurum e il Circolo Aternino. Quest’ultimo riaprirà i battenti sabato 16 luglio e fino al 30 agosto (e si chiamerà SPARTA). A differenza degli stabilimenti, in questi due spazi si potranno solo donare libri

L’invito a partecipare è stato già accolto da Abruzzo Sostenibile, ACA (Associazione Culturale Abissinia), Altaca, ANANKE, Associazione Editori Abruzzesi, Associazione Telemaco Solidarietà, BAOBAB, Biblioteca Provinciale “G. D’Annunzio”, Biblioteca Comunale di Montesilvano, Bici Mobilità Pescara, Club Nautico, “Insieme nel Blu” Associazione Subacquea, Lions Montesilvano, Nardone-Watzlawick Onlus, Ordine Professionale dei Giornalisti, Pescara Pattini, SO.HA Giovani Attivi Pescaresi, Movimentazioni, Tre.e, Associazione Culturale, Università Popolare della Terza età “F. Mazzaferro”.