San Salvo ,piano d’azione per l’energia sostenibile

SAN SALVO (CH) -Il sindaco Gabriele Marchese e l’assessore all’ambiente Nicola Sannino di San Salvo hanno annunciato che l’ amministrazione comunale a breve adotterà il Piano d’Azione per Energia Sostenibile, un importante strumento per la razionalizzazione delle risorse energetiche.

Il Comune di San Salvo porta avanti l’impegno assunto nell’ambito del Patto dei Sindaci, la principale iniziativa europea che coinvolge le città nel raggiungimento  degli obiettivi comunitari fissati per il 2020, al fine di migliorare in maniera significativa l’efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti rinnovabili a livello locale.

Il principale obiettivo consiste, infatti, nella riduzione di almeno il 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020 attraverso strategie per l’adozione di energia rinnovabile nei trasporti, elettricità, riscaldamento e raffreddamento.

La città di San Salvo sta compiendo passi importanti sul piano della sostenibilità: sono stati installati sistemi per la produzione di energia rinnovabile su diverse strutture comunali quali la piscina, la mensa scolastica e ed alcune scuole; sono stati autorizzati diversi insediamenti produttivi che nella realizzazione delle proprie strutture si atterranno ai criteri dell’utilizzo di energia pulita; è in fase di progettazione un innovativo sistema di piste ciclabili per la facilitazione di una mobilità alternativa; si sta realizzando un progetto di ristrutturazione generale dell’impianto di pubblica illuminazione a partire dalla sostituzione delle lampade a bassa efficienza, con lampade ad alta efficienza luminosa; è stato poi riaffidato il servizio di erogazione dell’energia elettrica a tutte le utenze pubbliche con la finalità del massimo risparmio energetico.

Ha  dichiarato il sindaco Marchese:

ridisegnare tutti gli impianti di riscaldamento e di illuminazione pubblica, nonché il sistema della mobilità il Piano d’Azione per l’Energia ci permetterà di diminuire drasticamente gli attuali consumi energetici dell’intera città e il conseguente inquinamento, di raggiungere gli obbiettivi comuni e di fare un grande salto in avanti nella direzione dello sviluppo sostenibile e nella capacità di determinare innovazione.