San Giovanni Teatino, esibizione del coro dell’università «G.d’Annunzio»

Il coro dell’ ateneo abruzzese aprirà domani sera la stagione degli appuntamenti estivi a San Giovanni Teatino

SAN GIOVANNI TEATINO (CH) –  Il coro dell’università «G.d’Annunzio» aprirà stasera la stagione degli appuntamenti estivi a San Giovanni Teatino, presentatrice dell’evento una studentessa dell’ ateneo.

L’apprezzato ensemble, diretto dal maestro Giacinto Sargiacomo, si esibirà con un programma che renderà omaggio ai 150 anni dell’Unità d’Italia, alle  ore 21 in piazza San Rocco a Sambuceto.

Il debutto nel Comune di San Giovanni Teatino è stato  fortemente voluto dalla nuova amministrazione comunale guidata dal sindaco, Luciano Marinucci, ed è dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia, come ha spiegato l’assessore al Turismo e alle Manifestazioni, Paolo Cacciagrano:

Abbiamo fortemente voluto  che fosse il coro dell’ateneo ad aprire la nostra stagione estiva, che da quest’anno assumerà la denominazione di “Sangiò Estate”, per dare un segno distintivo alle proposte che abbiamo elaborato ed inserito nel cartellone delle manifestazioni: per questo ringrazio con grande calore l’università “G.d’Annunzio” per la disponibilità che ha dimostrato nel voler concedere che il suo splendido coro potesse esibirsi nella nostra cittadina.

A presentare la serata sarà una studentessa abruzzese della facoltà di Filosofia della stessa università, Benedetta Zappacosta che farà da raccordo ai vari momenti dell’esibizione, che prevede l’esecuzione, dopo l’ouverture con l’Inno di Mameli sia di pezzi della tradizione operistica italiana  come il “Va’ Pensiero” di Verdi e la “Mattinata” di Leoncavallo, sia di cantate dialettali famose come “Torna a Surriento”, “Reginella”, “O surdato ‘nnamorato”; non mancheranno incursioni nelle culture musicali sudamericane come Piazzolla e nelle colonne sonore cinematografiche da “Il Padrino” e “La strada”.

Sarà una serata di cultura e di musica  poiché torneremo alle radici della nostra storia unitaria, sia ripercorrendo alcune arie che hanno infiammato gli animi dei nostri padri fondatori, sia riproponendo quelle cantate napoletane che costituiscono uno dei segni distintivi dell’immagine dell’Italia nel mondo.

ha aggiunto l’assessore alla Cultura, Alessia Chiacchiaretta.

Soddisfatto dell’evento, il sindaco, Luciano Marinucci ha chiosato:

I 150 anni dell’Unità d’Italia lungi dall’essere un momento celebrativo fine a sé stesso, rappresenta invece un momento di riflessione sul nostro passato, glorioso ma anche ricco di contraddizioni e pagine buie, ma che è essenziale per pensare il nostro futuro: il concerto del coro dell’ateneo è per noi un grande evento che costituisce la migliore e più prestigiosa apertura per le manifestazioni estive del Comune.