Rimosso il “semaforo della discordia” sulla Tiburtina

Pescara e S.Giovanni Teatino verso una più stretta collaborazione

SAN GIOVANNI TERATINO (CH) – E’ stato rimosso  ieri il “semaforo della discordia” sulla Tiburtina proprio al confine tra San Giovanni Teatino e Pescara.

Tale impianto era stato installato nel 2001 sulla sola corsia mare-monti dopo una divergenza amministrativa tra i due Comuni in materia di contenimento del traffico. Da allora, pur se mai messo realmente in funzione (ha mantenuto la luce arancione lampeggiante per tutto il decennio), il semaforo ha rappresentato la distanza che separava le due amministrazioni di San Giovanni Teatino e Pescara.

I sindaci, Luciano Marinucci e Luigi Albore Mascia, con una stretta di mano  ieri hanno sancito il ritorno ad una più stretta collaborazione tra i due enti. Una  maggiore interlocuzione istituzionale porterà sicuramente beneficio al territorio dell’area metropolitana. I due primi cittadini, dopo la rimozione del semaforo hanno avuto uno scambio di vedute nella sala consiliare del Comune, alla presenza del vicesindaco, Giorgio Di Clemente, dell’assessore Paolo Cacciagrano e del presidente del Consiglio comunale, Marco Cacciagrano.

Ha spiegato il sindaco Marinucci al termine dell’incontro:

sono orgoglioso di poter ospitare qui nella sala consiliare, per la prima volta dal 1989, il sindaco di Pescara e di poter salutare la nostra ferma e reciproca volontà di riprendere una collaborazione istituzionale, ragionando in un’ottica di area metropolitana e lavorando insieme per lo sviluppo di questo territorio che è il più dinamico di tutta l’intera regione e che ha bisogno di una seria concertazione affinché le sue potenzialità vengano pienamente espresse.
Pescara costituisce per noi una importante ed ineludibile realtà: le nostre periferie sono tutt’uno, la nostra viabilità è unica, i nostri problemi sono comuni. Per questo, il Comune di San Giovanni Teatino ha intenzione di intensificare i rapporti con quello di Pescara, in vista soprattutto della grande sfida che abbiamo lanciato per ampliare via Po e realizzare una viabilità alternativa sia all’Asse Attrezzato, sia alla Tiburtina, in vista anche dell’introduzione del pedaggio sul raccordo autostradale e le sue prevedibili conseguenze sul traffico del centro di Sambuceto. Su questo tema auspico che a breve, Pescara e San Giovanni Teatino possano mettersi attorno ad un tavolo, insieme anche alla città di Chieti, per discutere di quale soluzione vogliamo pensare per la viabilità dell’ intera area metropolitana.

Ha risposto il sindaco Albore Mascia:

la rimozione del semaforo sulla Tiburtina segna una ritrovata serenità tra le due amministrazione e le due comunità cittadine che ora dovranno lavorare nell’interesse del territorio. Abbiamo un obiettivo comune: quello di ridurre i volumi di traffico in entrata e in uscita dalle nostre città, incentivando la mobilità alternativa. Per questo ritengo essenziale mettere a punto con San Giovanni Teatino un’agenda di lavoro comune, che non si fermi solo a considerare il problema della viabilità, ma che tocchi anche i temi dell’urbanistica e della sostenibilità ambientale. Con l’incontro simbolico di oggi chiudiamo in un cassetto un passato fatto di mancata collaborazione e di chiusura istituzionale per aprire una fase proficua di apertura e di dialogo. Ringrazio tutta l’amministrazione comunale di San Giovanni Teatino per questo gesto e questo invito, che è solo il primo di una lunga serie di rapporti che metteremo a punto nel corso dei nostri mandati amministrativi.