Notizie-Pescara. Ricordata con due giornate di eventi la strage degli ebrei.

Come preannunciato in conferenza stampa il giorno prima da Vincenzo Dogali, presidente del consiglio comunale di Pescara, e da Paola Marchegiani, assessore alla cultura, si è svolta Martedì 27 Gennaio la “Giornata della memoria”, per ricordare le vittime della Shoah, tramite le iniziative dell’associazione 39/a di Pescara e del comune.

Oltre al dibattito che ha avuto luogo nella sala consiliare del Palazzo di Città, si è deciso quest’anno di proseguire le iniziative in materia anche nella giornata del 28, a partire dalle ore 16.00, presso la sede di 39/a , sita appunto al numero civico 39/a di Via Caduti per Servizio, a Pescara.

L’associazione ha avuto così modo di coinvolgere i cittadini sul tragico tentativo di annientamento in massa riguardante non solo il popolo ebreo, ma anche altre categorie di persone, come ad esempio gli zingari e gli omosessuali.

Sono stati proiettati filmati, mostrati documenti e testimonianze storiche; inoltre c’è stata l’esibizione musicale del maestro Rocco Ronca.

L’assessore Paola Marchegiani ha sottolineato “l’importanza di una manifestazione del genere, proprio in un periodo in cui le ostilità in Medioriente si fanno sempre più accese”; ben venga dunque un evento che scavi nel passato e tenga viva la memoria di ciò che è successo con la Shoah.

Lo sterminio degli ebrei deve essere di monito, -ha proseguito l’assessore-, anche per le generazioni presenti e per quelle future, tenendo conto che le testimonianze di chi ha vissuto tali eventi in prima persona stanno scomparendo, per via dell’età avanzata dei protagonisti”.

Sondaggio tra i lettori: ha senso ancora ricordare oggi la Shoah? Quali sono gli insegnamenti da trarre da questo tragico evento?