Regione: intesa quadro con CNR per lo sviluppo dell’Abruzzo

L’AQUILA – Il presidente della Regione, Gianni Chiodi, e il presidente del Consiglio nazionale delle ricerche, Luciano Maiani, hanno sottoscritto,ieri, all’Aquila un’intesa quadro,della durata minima di tre anni, per lo sviluppo dell’Abruzzo. L’attuazione della stessa è affidata ad un comitato di gestione composto da sei membri nominati dal presidente del CNR e dal presidente della Regione.

La collaborazione si baserà soprattutto nell’elaborazione comune di progetti di ricerca e sviluppo finalizzati ai settori strategici dell’economia regionale. Questa collaborazione va dal potenziamento delle infrastrutture e laboratori di ricerca per aumentare la capacità di offerta tecnologica fino al supporto alle imprese private che vogliano investire nel campo dell’high-tech emergente.

Ha detto il presidente della Regione, Gianni Chiodi:

noi avevamo la necessità di trovare un partner il più qualificato possibile per avviare in Abruzzo un processo inevitabile che è quello di investire nell’economia della conoscenza e delle ricerca per qualificare il prodotto in grado di fare la differenza sui mercati nazionali e internazionali. Da qui l’accordo con il CNR per dare modo alle nostre imprese di avere un supporto qualificato con competenze specifiche con la possibilità per le imprese stesse di realizzare propri studi di ricerche.

Ha ribadito Luciano Maiani:

di certol’Ente è in grado di offrire con le sue conoscenze e la capacità di trasferimento delle tecnologie un’occasione unica e irripetibile per le aziende abruzzesi. Ad esempio un terreno sul quale è possibile una collaborazione è la termovalorizzazione che è il miglior punto di incontro tra le competenze del CNR e le necessità della regione e del territorio.

Il presidente del CNR ha poi anticipato che più avanti verrà formalizzato un altro accordo questa volta con il Commissario per la ricostruzione, che riguarda più specificatamente le zone colpite dal sisma e il contributo che il CNR può dare su una materia come la microzonizzazione sismica o le tecniche di ricostruzione.