Preziosi: … “D’Annunzio fu probabilmente il poeta meno ipocrita del panorama letterario”

PESCARA – Nel corso della conferenza stampa del Salotto del Festival, ieri mattina, nella cornice dell’ex Aurum, l’attore Alessandro Preziosi,protagonista del recital  al Teatro Massimo, ha detto che Pescara è un luogo misterioso che ogni volta propone qualcosa da scoprire, l’ex Aurum, la sua pineta, lo stesso D’Annunzio.

Attraverso la lettura delle sue lettere d’amore si può riscoprire  non solo la musicalità della parola, ma il suo rapporto con la donna, con l’amore stesso. Si possono ritrovare i sospiri nei suoi racconti tanto diretti, in un’epoca in cui non si osava neanche descrivere il corpo femminile, un tabù spezzato da D’Annunzio che fu probabilmente il poeta meno ipocrita del panorama letterario.

All conferenza stampa erano presenti l’assessore alla Cultura Elena Seller e il responsabile degli aspetti artistici e culturali delle attività di governo Stefano Angelucci Marino, accompagnato dall’assessore Carla Panzino.

Hanno detto la Seller e Marino:

abbiamo appositamente scelto la presenza di Preziosi all’interno del Festival  per avvicinare alla figura di D’Annunzio anche quei giovani che, da soli, non si accosterebbero al vate. Abbiamo scelto la figura di un attore che può vantare un’enorme preparazione teatrale, ma anche figura di grande popolarità grazie alle sue interpretazioni sul piccolo e grande schermo, per far comprendere che D’Annunzio non è un poeta ‘noioso’ o superato, ma può essere riletto in modo fresco, giovane, originale.

Ha ribadito Preziosi:

solitamente a scuola non abbiamo amato D’Annunzio, Manzoni, ma piuttosto li riscopriamo in seguito, nel corso della nostra vita, rileggendo le pagine e ritrovandone tutta l’attualità .
Per il recital abbiamo scelto le lettere scritte da D’Annunzio a Barbara Leoni, a 25-26 anni, appena tornato da Roma, quando voleva indurre lei a innamorarsi della sua figura e vi ritroviamo i sospiri e quelle parole inaudite per la letteratura dell’epoca. Dunque sono felice di poter recitare D’Annunzio, accompagnato dalle musiche di Debussy eseguite dall’Accademia musicale pescarese.

Angelucci Marino si è detto convinto del successo di Preziosi .Inoltre ha ricordato i momenti del programma di stasera,28 luglio. Alle 18.30 ci sarà la conferenza di Vito Moretti e Remo Di Leonardo ‘La Fiaccola sotto il Moggio’, presso l’ex Aurum, mentre alle 21.30 spazio a un altro grande interprete, l’étoile della danza per eccellenza, Raffaele Paganini che, nell’incredibile scenario del Teatro D’Annunzio, proporrà ‘Tango e Sirtaki’, uno spettacolo fatto di danza, musica, suggestioni visive ed emozioni, che si snoderà attraverso cinque quadri collegati tra loro, Mare, Opera, Sonos, Metropoli e Sirtaki che si intrecceranno creando un’unica vicenda e storia”. Alle 22.30 presso l’ex Aurum altro grande spettacolo con Paola Gassman, Daniela Musini e Milo Vallone che interpreteranno ‘Mia Divina Eleonora’, un omaggio alla divina Eleonora Duse.La vicenda si svolge in una stanza d’albergo di Pittsburgh, negli Stati Uniti  dove la Divina si trova in tournée e non immagina che quello sarà il suo ultimo giorno di vita, il 21 aprile 1924. Il testo è della Musini ed è la rievocazione della vicenda esistenziale della più grande attrice di tutti i tempi, colei che conquistò le platee di tutto il mondo grazie alla propria personalità e alla sua arte sublime.