Pescara,presentato Guerri Consulente d’immagine della città

PESCARA-E’ Giordano Bruno Guerri il nuovo ” Consulente culturale e coordinatore degli eventi del Comune di Pescara”, fortemente voluto dal Sindaco Luigi Albore Mascia e dall’attuale amministrazione.

Il nuovo consulente, che sarà collaboratore del sindaco nella Direzione artistica delle attività culturali cittadine,è stato presentato ieri mattina  in conferenza stampa presso la Sala Michetti, dell’ex Aurum a Pescara alla presenza dell’assessore alla Cultura Elena Seller, degli assessori Alfredo D’Ercole, Stefano Cardelli, Eugenio Seccia e Massimo Filippello, del Presidente della Fondazione PescarAbruzzo Nicola Mattoscio, del Presidente dell’Ente Manifestazioni Pescaresi Lucio Fumo, di Stefano Angelucci Marino, che ha curato l’organizzazione della prima edizione del Festival Dannunziano, e  di altri esponenti del mondo culturale pescarese.Il sindaco Albore Mascia ha  detto:

il professor Giordano Bruno Guerri sarà il testimonial d’eccezione della nostra città, un patrimonio per l’intero territorio, che ci aiuterà a proiettare fuori dai confini regionali l’immagine e il nome del capoluogo adriatico. Ci è stato vicino nei giorni della prima edizione del Festival Dannunziano, ci ha affiancato con suggerimenti importanti e oggi, come responsabile della Direzione artistica per l’immagine e le attività culturali del Comune di Pescara rappresenterà la nostra eccellenza internazionale.

La nostra amministrazione comunale ha un’ambizione, ossia non solo quella di organizzare i cosiddetti ‘grandi eventi’, grandi concerti, come quello di Ligabue che la scorsa estate ha dirottato sulla città ventimila persone in una notte. In realtà noi vogliamo promuovere il nostro territorio attraverso eventi duraturi, capaci di ‘lasciare il segno’, iniziative che non dovranno essere l’occasione estemporanea per riempire la città, i ristoranti, gli alberghi, i bar per una serata ‘mordi e fuggi’.

Noi vogliamo organizzare eventi con i quali identificare l’immagine stessa della città, eventi che diventino simbolo di Pescara, vogliamo promuovere appuntamenti che sappiano entrare nella tradizione. Vogliamo dare a Pescara una rassegna che sia pari al Festival di Spoleto, a Umbria Jazz, vogliamo dare vita a un’iniziativa che sappia raccontare Pescara oltre i confini regionali e nazionali, iniziativa che dovrà diventare il momento culturale di richiamo del capoluogo adriatico e dell’intera regione.

Giordano Bruno Guerri è uno scrittore, giornalista e storico italiano. Durante la sua luminosa carriera ha ricoperto numerosi ruoli . Dall’Ottobre 2008 è diventato presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani, la casa di Gabriele D’Annunzio a Gardone di Riviera, cui ha ridato slancio con nuove creazioni museali e l’acquisizione di importanti documenti.

Ha dichiarato il professor Guerri :

L’idea di lavorare a Pescara mi ha incantato tanto da spingermi a cambiare i piani per il futuro , forse scriverò un libro in meno, ma questa mancanza sarà compensata dal vivere in una città che amo, una città quieta ma al tempo stesso vivace, dove porterò la mia famiglia a primavera con la chiusura ormai prossima delle scuole.

Per quanto riguarda il lavoro che svolgerò a Pescara, garantisco che tutte le idee che cercherò di esprimere e realizzare dovranno gravare il meno possibile sul bilancio comunale, ma cercheremo sponsor e finanziamenti regionali, nazionali e internazionali. Pescara ha tutto per diventare una ‘città di fascino’: il mare, la montagna a due passi, una popolazione gentile in quantità e misura di essere umano perché vi garantisco che vivere a Roma o a Milano oggi è uno strazio. Pescara è vicina a tutto: l’aeroporto nel cuore della città, una linea ferroviaria frequentatissima, due autostrade, Pescara è al centro dell’Italia e può diventare centro dell’Italia.

Personalmente avrò un rapporto duretto con la figura del sindaco del quale sono consulente per l’immagine della città, e già ieri c’è stata la prima intervista sul Tg1, che ho portato come omaggio al territorio perché la comunicazione è essenziale. Nel prossimo anno opereremo affinchè Pescara sia presente il più possibile sui media e dovremo fare tanto sfruttando l’esistente. Già stamane ho salutato Tiboni, e abbiamo il Mediamuseum, il Premio Flaiano, Casa D’Annunzio ben gestita, c’è l’Ente Manifestazioni Pescaresi, una struttura funzionale e dinamica, che crea bellezza e turismo. Intendo avere un rapporto con la Camera di Commercio per creare un programma coordinato.

A Pescara c’è il fermento dei più giovani che chiedono uno sbocco e noi glielo daremo.

Per quanto riguarda il Festival Dannunziano, Guerri   intende renderlo più bello, elevandone ulteriormente la qualità con eventi internazionali, attivando una sinergia con il Vittoriale che ha una stagione teatrale di venti spettacoli tra luglio e agosto. Cercherà di arricchirlo con rassegne letterarie e convegni con personaggi di importanza mondiale, per appuntamenti non destinati a ‘pochi’ ma al grande pubblico, portando il Festival sui teleschermi . La meraviglia dell’Aurum, una delle architetture più belle d’Italia realizzata da un ‘maestro’,  potrebbe essere valorizzata  pensando di  istituirvi un ristorante, un bar, una libreria. Un luogo dove trascorrere una serata e dove assistere a convegni e spettacoli.

E a tal proposito il professor Guerri ha anticipato il proprio interessamento in merito alle vicende che nei giorni scorsi hanno portato alla chiusura delle libreria Edison a Pescara:

so che la città ha un problema culturale imbarazzante , che ferisce il territorio, come sempre accade con la chiusura di un centro di cultura o di commercio, com’è una libreria. L’assessore Seller già nei giorni scorsi mi aveva allarmato sul ‘caso’, e credo che il problema sarà risolto entro pochissime ore.