Pescara,Giornata mondiale Vittime della strada

PESCARA- Si svolgeranno  oggi, 20 novembre, a Pescara le iniziative per la  Giornata mondiale Vittime della strada. Sarà celebrata una Santa Messa per ricordare tutte le giovani vite stroncate da un’automobile o da una strada dissestata e strappate all’affetto dei propri cari e saranno raccolte firme per sensibilizzare la cittadinanza e per sostenere la proposta di legge per il riconoscimento del reato di ‘omicidio stradale’ fermo alla Camera da troppo tempo.

Il consigliere Pignoli,che  ha presentato venerdì  la Giornata mondiale Vittime della strada e illustrato le iniziative promosse in occasione della ricorrenza, con Paolo D’Onofrio, Presidente della sezione di Pescara dell’Associazione Familiari Vittime della strada, ha detto:

  i dati statistici sono sempre più drammatici e impressionanti : nella sola Pescara, dopo una leggera flessione registrata negli ultimi anni, già nel 2010 i numeri sono tornati a salire, passando dai 957 sinistri con lesioni a persone registrati nel 2009 ai 1.037 del 2010, di cui 788 registrati nelle strade urbane, contro i 695 del 2009.
Il maggior numero di vittime si registra tra ciclisti e pedoni, anziani e giovanissimi, incidenti causati dalla distrazione degli automobilisti e spesso dalle cattive condizioni di manutenzione delle nostre strade. Pescara non vuole dimenticare quei volti, nomi, cancellati dall’imprudenza umana, e soprattutto non dimentica quei familiari colpiti negli affetti più cari: domenica saremo con loro a celebrare la Giornata Mondiale delle Vittime della strada nella Santa Messa che si svolgerà alle 11.30 presso la Chiesa di San Pietro Apostolo, la chiesa sul mare, e poi per l’intera giornata saremo in corso Umberto con un gazebo per raccogliere le firme a sostegno della proposta di legge sull’istituzione del reato di ‘omicidio stradale’ ferma alla Camera”. “Non solo – ha aggiunto D’Onofrio – nei giorni scorsi la Regione Abruzzo ha pubblicato un bando, ignoto alla maggior parte delle pubbliche amministrazioni, per l’Istituzione della Consulta regionale e dell’Osservatorio per il monitoraggio del fenomeno, un Organismo che avrà il compito di studiare la casistica, ma soprattutto di indirizzare l’azione delle pubbliche amministrazione verso l’adozione di misure capaci di risolvere le criticità che ogni giorno, sulle nostre strade, provocano morti e feriti. In particolare l’assessore Morra ha annunciato la volontà di investire ben 4milioni 400mila euro per l’Osservatorio, nel quale l’Associazione Vittime della Strada presenterà la propria candidatura.