Pescara:celebrato l’anniversario della nascita di D’Annunzio

http://www.culturaitalia.it/pico/system/galleries/pics/alkacon-documentation/casadannunzio.jpg

L’evento ha fatto rivivere l’infanzia del poeta all’interno della casa natale di corso Manthonè.

PESCARA – Pescara ha celebrato , ieri , l’anniversario della nascita di Gabriele D’Annunzio ripercorrendo, con gli interpreti della compagnia teatrale ‘La Favola Bella’, l’infanzia del poeta-soldato in un evento che ha riscosso un enorme successo di pubblico, all’interno della Casa Natale di corso Manthonè, e che sicuramente  sarà replicato durante il Festival Dannunziano. Hanno animato la scena  il piccolo Gabriele nel giorno del suo compleanno che scriveva seduto al suo scrittoio, la mamma, donna Luisetta, che leggeva le lettere dal Collegio Cicognini, e la fedele domestica Marietta che inseguiva nel cortile quel bambino destinato a diventare il Vate.

L’assessore alla Cultura del Comune di Pescara Elena Seller dopo la rappresentazione, in anteprima assoluta, di ‘Mio Figlio Gabriele’, con testi sceneggiati e adattati da Antonella De Collibus ha ricordato:

Decine di persone  hanno partecipato alle visite ‘guidate’ all’interno del Museo Casa D’Annunzio, promosse dall’amministrazione comunale per celebrare il centoquarantasettesimo anniversario della nascita del Vate . Ad accogliere i visitatori c’erano oggi delle ‘presenze’ inattese: la madre Luisa, interpretata dall’attrice Rossella Micolitti, e poi la zia Maria Rapagnetta, con il volto di Alessandra Diodoro, la cameriera Marietta, interpretata da Antonella De Collibus, e il padre del Vate, il signor Rapagnetta D’Annunzio, ossia l’attore Silvano Torrieri.

A portare scompiglio sulla scena Gabriele bambino, interpretato dal piccolo Dario Recinella, con in sottofondo le musiche abruzzesi degli studenti del Conservatorio ‘D’Annunzio’, ossia Miriam Conte, Massimo Celenza e Vincenzo Di Colantonio.

In ogni stanza gli spettatori hanno rivissuto un tratto dell’infanzia prima, dell’adolescenza poi, degli anni del soldato infine, narrati da quella madre che è stata poi l’unico vero grande amore di D’Annunzio, riscuotendo un enorme successo di pubblico. La manifestazione, organizzata con la collaborazione della Sovrintendenza ai Beni Artistici, storici e culturali verrà sicuramente replicata già nei prossimi mesi per le scolaresche e poi ancora nel Festival dannunziano in estate.

Intanto la manifestazione è stata ripetuta già nel pomeriggio con visite guidate dalle 18.30 alle 20. Ad accompagnare gli attori de ‘La Favola Bella’ sono stati il violino di Marco Giacintucci e la voce di Assunta Arnese; infine chiusura, dalle 22 alle 24, in corso Manthonè e via delle Caserme.