Pescara-Udinese: a caccia di punti salvezza

attacco Weiss contro Udinese PESCARA – C’è voglia di lottare in casa biancoazzurra. Questo appare il segnale più importante che è pervenuto dall’ultima trasferta di Roma. Un Delfino che è stato colpito grazie a delle perfette conclusioni dalla distanza di Radu e Lulic , ma che nel complesso ha regalato poco o niente ad un avversario che, ad onor del vero, ha giocato poco più di un tempo, abbassando notevolmente i ritmi nella difesa (risparmiando energie e fiato per la sfida contro il Milan di questa giornata).

Troppo poco tuttavia per poter sperare che possa essere sufficiente. Attenuanti a parte  per le assenze, infatti i ragazzi di Bergodi, ad oggi, non sembrano sufficientemente attrezzati come qualità complessiva per far meglio delle dirette concorrenti alla salvezza. Tuttavia l’impegno di onorare ogni gara cercando di trarre il più possibile non dovrà mancare fino a quando la classifica non chiuderà le porte alle speranze di un sogno salvezza. Domenica all’Adriatico arriva l’Udinese, squadra che pur non avendo ancora ripetuto le ultime annate viaggia con la Roma a metà classifica e sogna ancora un posto in Europa.

Di Natale e BocchettiRECUPERI IMPORTANTI, PELIZZOLI TRA I PALI? – Bergodi sembra orientato a tornare al modulo con il trequartista, visto il rientro dalla squalifica di Weiss. Lo sloveno tuttavia potrebbe essere impiegato anche come esterno per trasformarsi in un 4-3-3 più offensivo. Dalla squalifica rientrano anche Zanon e Blasi con quest’ultimo che potrebbe essere preferito a Bjarnason. Dovrebbe slittare il rientro di Sforzini e Togni mentre ci sono chance per il recupero di D’Agostino e Quintero che in settimana hanno effettuato lavoro differenziato in palestra e sul campo.  Guardando la formazione altro dubbio da sciogliere è quello di Pelizzoli che potrebbe essere nuovamente preferito a Perin. Non possiamo effettuare una valutazione di Roma viste le scarse conclusioni e i gol quasi imparabili tuttavia l’ex portiere di Cagliari, Roma e Lokomotiv Mosca (tanto per citare alcuni club) in qualche modo sembra aver dato ai centrali un pizzico di sicurezza in più.

Probabilmente solo un’impressione ma in campo si sono viste molte  sbavature  in meno in fase di contenimento ,anche se non si potrà chiedere di giocare sempre con un baricentro così basso. Si va verso la conferma dei centrali Cosic e Bocchetti con Balzano e Zauri esterni. Verso la conferma anche Cascione e Rizzo a centrocampo mentre in avanti con Weiss suggeritore e Celik seconda punta dovrebbe essere preferito ancora una volta Abbruscato, ma non si escludono avvicendamenti nel corso della partita.

Blasi su BaduDUBBIO BANATIA, PIZZI-LAZZARI ANCORA OUT – Tornato disponibile tra i pali Brkic, starà a Guidolin valutare se è il caso di tenere ancora un turno Padelli. In difesa l’unico dubbio è per Benatia che accusa un risentimento muscolare all’inguine destro. Questo porterebbe il tecnico a schierare Heurtaux con Danilo e Domizzi. Si prevede un folto centrocampo con Basta e Pasquale esterni e con Pereyra, Allan e Badu centrali. In avanti sarà Muriel a supportare Di Natale. Pesanti a centrocampo le assenze di un incontrista come Pinzi e di uno dalle spiccate doti offensive come Lazzari.La squadra comunque è  molto temibile nel gioco di rimessa vista la rapidità dei due esterni e di Muriel, sempre molto prezioso ad inserirsi tra le linee.

Con un cecchino come Totò Di Natale si dovrà porre la massima attenzione a non concedere il tiro, soprattutto nei pressi dell’area di rigore. Una squadra molto forte anche nel gioco aereo con Domizzi e Danilo non nuovi ad inserimenti su corner e punizioni mentre a centrocampo sta facendo molto bene Allan, uno degli acquisti di questa nuova stagione. All’andata un episodio favorevole permise a Maicosuel di dare il là al successo dei bianconeri ma in quell’occasione il Pescara non apparve inferiore.

DUdinese Pescara i capitaniomenica come non mai serviranno le giocate di Weiss e Celik in primis ed una squadra molto attenta a non concedere spazi per le ripartenze. Una gara da giocare a viso aperto per puntare ai tre punti che sarebbero una vera e propria manna dal cielo per poter meglio programmare le future sfide salvezza.

PROBABILI FORMAZIONI:

PESCARA (4-3-1-2): Pelizzoli; Balzano, Cosic, Bocchetti, Zauri; Blasi, Cascione, Rizzo; Weiss; Celik, Abbruscato.
UDINESE (3-5-1-1): Padelli; Heurtaux, Danilo, Domizzi; Basta, Pereyra, Allan, Badu, Pasquale; Muriel; Di Natale.
[Foto di Massimo Mucciante per gentile concessione]