Pescara: stop ad allagamenti e disagi in via Nazionale Adriatica Sud

Aperto il cantiere per realizzare la nuova rete delle acque bianche

PESCARA – Il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia nel corso della conferenza stampa indetta ieri in via Nazionale Adriatica sud, al bivio per San Silvestro, ha illustrato i lavori  di  realizzazione della nuova rete delle acque bianche. Erano presenti anche l’assessore ai Lavori pubblici Alfredo D’Ercole, il consigliere comunale Giuseppe Bruno, da sempre promotore dell’intervento, e il Presidente della Circoscrizione Porta Nuova Piernicola Teodoro, oltre a decine di cittadini della zona e all’impresa stessa.L’obiettivo da raggiungere entro quaranta giorni è quello di eliminare gli allagamenti e i  disagi su un’ampia fetta della zona sud di Pescara, ossia sull’intera via Nazionale Adriatica Sud, da via Celommi al confine con Francavilla al Mare.  L’intervento  strategico è stato lungamente atteso  dai cittadini, stanchi dell’acqua alta a ogni piccola pioggia. L’impresa ha già iniziato gli scavi per l’inserimento della nuova condotta di mezzo metro di diametro. Entro la prima settimana di luglio  il sindaco promette di restituire  alla città e ai residenti un’area completamente rinnovata.

Ha proseguito il sindaco Albore Mascia :

purtroppo sappiamo che la rete dei sottoservizi di Pescara è vecchia, obsoleta, soprattutto è inadeguata alle esigenze di una città cresciuta rapidamente. Negli anni sono sorti interi quartieri, la città  si è estesa verso sud, verso nord, verso ovest, costituendo nuovi centri abitati, residenziali, con la nascita non solo di abitazioni, ma anche di attività commerciali, artigianali, che hanno inevitabilmente appesantito il territorio. Una crescita che non ha sempre avuto la giusta attenzione da parte degli Enti pubblici nel garantire la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria adeguate quale corrispettivo per la creazione di tali quartieri.

E oggi noi ci troviamo in una delle zone della città maggiormente interessate da tale problematica: pensiamo che a poche centinaia di metri da tale cantiere è sorto il quartiere Colle Breccia, che ha contribuito inevitabilmente ad aggravare i disagi della parte a valle, dunque via Nazionale Adriatica sud, ma anche alcune traverse, come via Parisina o via Fagiani, solo per citarne alcune, strade che ad ogni precipitazione si trasformano in laghetti per la difficoltà della rete sotterranea a garantire il deflusso dell’acqua piovana. Non appena eletti ci siamo resi conto della problematica, abbiamo ascoltato i cittadini, anche tramite l’interessamento del consigliere Giuseppe Bruno, abbiamo mobilitato i nostri uffici per il reperimento dei fondi necessari e in breve tempo siamo stati in grado di affidare l’opera.

Il progetto  prevede il potenziamento dell’attuale sistema di raccolta delle acque bianche: la nuova rete fognaria sarà riservata esclusivamente alle acque piovane e prevede sia la realizzazione di nuovi punti di raccolta, sia l’allaccio dei tombini esistenti, e lo scarico finale avverrà nel collettore situato nel bivio di San Silvestro. Lungo la via Nazionale Adriatica Sud verranno sistemati tubi del diametro T 500, ossia di mezzo metro di diametro, in via Parisina e via Fagiani le condotte saranno T315, ossia avranno un diametro pari a 31 centimetri e mezzo. L’importo complessivo del progetto è pari a 200mila euro, aggiudicato in fase di gara alla Ditta Loreta Società Cooperativa di Cipriano d’Aversa, che ha proposto un ribasso a base d’asta del 24,773 per cento, dunque per 127mila 406,43 euro. I lavori sono ormai iniziati e dovranno completarsi entro 40 giorni, dunque intorno al 5 luglio. Il cantiere, ovviamente procederà per lotti per limitare al massimo i disagi per i cittadini, per gli automobilisti, soprattutto per i residenti, e l’amministrazione comunale vigilerà per garantire la massima velocità, ma anche la corretta esecuzione delle opere che assicureranno un netto miglioramento della qualità della vita degli utenti della zona. Non solo: il nostro impegno è quello di proseguire l’opera e di allungare a breve la stessa rete di acque bianche sino al vicino Fosso Vallelunga, per eliminare il disagio di tutti i cittadini della parte sud della città.

Ha aggiunto l’assessore D’Ercole :

ricordo quando nel 2002, con il sindaco Pace e lo stesso Albore Mascia in qualità di assessore, abbiamo iniziato la sistemazione di Colle Breccia ; oggi, dopo otto anni, siamo tornati sul posto per la sistemazione complessiva dell’area e per dare agli utenti una rete fognaria adeguata. Non solo: tale intervento sarà anche l’occasione per il rifacimento complessivo degli asfalti in via Nazionale, via Parisina e via Fagiani.

Intanto a giorni , ha ancora detto l’assessore D’Ercole con il Presidente Teodoro ,partirà anche il secondo appalto relativo alla sostituzione e al potenziamento della pompa di sollevamento dell’Aca situata a ridosso della ferrovia che oggi contribuisce all’allagamento dell’area.