Pescara senz’auto: maxi-isola pedonale

Domani, domenica 14 marzo, lo stop alle auto dalle 9.00 alle 14.00.Comprese nell’isola anche le vie di Colli Innamorati.

PESCARA – I confini della maxi-isola pedonale, prevista per domani, domenica 14 marzo,  vanno dal lungofiume nord al confine con Montesilvano e poi dalla riviera nord sino a via Colli Innamorati, ultimo lembo a ovest .  Lo stop ai veicoli però questa volta scatterà alle 9 e terminerà alle 14 per consentire alla Polizia municipale e alla Protezione civile di affrontare gli impegni concomitanti della giornata, ossia la corsa della Tirreno-Adriatica al mattino e, al pomeriggio, la partita casalinga del Pescara allo stadio ‘Cornacchia’.

Il nuovo orario però non toglierà nulla alla grande valenza dell’iniziativa ,che secondo l’amministrazione comunale non è finalizzata  solo ad abbattere i livelli delle micropolveri, ma piuttosto a sensibilizzare gli utenti verso una riscoperta del proprio territorio svuotato dalle auto e responsabilizzarli circa la possibilità di costruire una città più vivbile ed ecosostenibile.

L’assessore alla Mobilità del Comune di Pescara Berardino Fiorilli nel corso  conferenza stampa  di ieri, convocata per presentare le caratteristiche del terzo appuntamento con ‘Pescara senz’auto, alla presenza del Presidente della Circoscrizione Colli Innamorati Mauro Renzetti e del  coordinatore delle squadre della Protezione civile Angelo Ferri ha detto:

La caratteristica innovativa dell’evento del 14 marzo  sarà il coinvolgimento per la prima volta del quartiere Colli Innamorati, sino a oggi rimasto sempre escluso da tali iniziative, nonostante la presenza di assi stradali strategici che comunque ogni giorno sopportano un elevato volume di traffico e che domenica potranno sperimentare la città libera dalle auto. Abbiamo però deciso di limitare il blocco delle auto alla sola mattina, dalle 9 alle 14: il 14 marzo infatti Pescara accoglierà i campioni della Tirreno-Adriatica che attraverseranno mezza città, non solo le aree comprese nell’isola, ma anche quelle escluse, come l’asse via Tiburtina-via Conte di Ruvo che dunque comunque dovranno essere chiuse al traffico almeno dalle 9.30 alle 10.30, strade che dovranno essere dunque vigilate da decine di agenti della Polizia municipale in aggiunta alle 65 unità già distribuite ai varchi di Pescara senz’auto. Non solo: altre pattuglie, almeno 15 uomini, saranno poi impegnate già dalle 13 e sino alle 18 presso lo Stadio per la partita dei biancazzurri.

In altre parole abbiamo voluto garantire sicurezza e assistenza a tutti i cittadini, a coloro che vorranno assistere alla corsa, agli atleti e a coloro che, siamo certi, parteciperanno alla giornata senz’auto affollando il nostro centro in bici o a piedi.

Due le macroaree definite nell’ordinanza che saranno dunque interdette alle auto: la prima è identica a quella del 28 febbraio scorso ed è compresa tra via Caravaggio (direzione sud e direzione nord, da via Tiepolo a via Bernini), via Donatello (da via Caravaggio a via Raffaello), via Raffaello (da via Donatello a via Da Vinci), via Da Vinci (da via Raffaello a via Del Santuario), via del Santuario, via Ferrari, via De Gasperi, via Spalti del Re, via Lungaterno Nord, via Paolucci, Lungomare Matteotti, viale della Riviera (fino al confine con il Comune di Montesilvano), via Arno (dal confine con Montesilvano a via Nazionale Adriatica Nord), via Nazionale Adriatica Nord (da via Arno a via De Gasperi), via De Gasperi e via Caravaggio.

Ha proseguito l’assessore

resteranno transitabili le strade che definiscono il perimetro dell’isola e tre assi che rappresenteranno le ‘valvole di sfogo’ : il primo asse, con direzione di marcia monti-mare, sarà via Tiepolo, via Nazionale Adriatica Nord (direzione sud, da via Tiepolo a via Cadorna), via Cadorna (sino a viale Kennedy), viale Kennedy (direzione nord, da via Cadorna a via Solferino), via Solferino (da viale Kennedy a viale della Riviera). Il secondo asse, con direzione di marcia a senso unico mare-monti sarà costituito da via Ragazzi del ’99, piazza San Francesco, via del Milite Ignoto, viale Bovio (direzione sud, da via Milite Ignoto a via Masaccio), via Masaccio. Il terzo asse sarà costituito dal percorso piazza Italia, piazza Duca D’Aosta, corso Vittorio Emanuele direzione nord (da Duca D’Aosta a via Chieti), via Chieti, via Caduta del Forte e ponte Risorgimento. Aperte alle auto infine le vie di accesso o uscita dalle aree di parcheggio, ossia piazza Italia, via del Concilio (parcheggio pubblico), via Ostuni (parcheggio pubblico), via Avezzano e via Bologna (terzo parcheggio pubblico). Inoltre in caso di necessità la Polizia municipale potrà all’occorrenza disporre la riapertura temporanea al transito di via Foscolo e via Venezia”. La seconda macroarea interesserà invece la zona collinare dove saranno chiuse alle auto tutte le strade comprese tra via Caravaggio (direzione nord, da via Tiepolo a via Bernini), via Donatello (da via Caravaggio a via Raffaello), via Raffaello (da via Donatello a via Da Vinci), via Da Vinci (da via Raffaello a via del Santuario), via del Santuario, via Ferrari, via De Gasperi, via Caduta del Forte, via Gran Sasso, via Valle Roveto, piazza Pierangeli, via del Circuito, via Pian delle Mele, via Prati, via Monte di Campli, via Santina Campana, via Colli Innamorati, via Di Sotto (da via Colli Innamorati al confine con Montesilvano), strada Colle Scorrano, Strada del Palazzo e via Caravaggio.

Ha detto ancora Fiorilli:

anche in questo caso  resteranno aperte le vie di accesso all’ospedale e al cimitero, ossia via Del Circuito, via Fonte Romana, via Monte Faito, via Valle di Rose, via Monte di Campli, via Del Santuario, Strada Vecchia della Madonna, via Tiberi, Strada Colle di Mezzo, strada Pandolfi, via Di Sotto (da strada Pandolfi al confine), via Colle Marino (sino a Salita Zanni) e Salita Zanni. Inoltre in caso di necessità la Polizia municipale, per facilitare l’accesso all’obitorio, potrà disporre la temporanea apertura di via Paolini e via Rigopiano, nel tratto compreso tra via Paolini e via del Santuario”. Potranno circolare in deroga alla chiusura, come nei due casi precedenti, i mezzi utilizzati dalle Forze dell’Ordine, in servizio o per inizio e fine turno, e i veicoli di soccorso; le vetture a emissione nulla, auto elettriche e ibride, a metano, Gpl o bifuel; i mezzi adibiti al trasporto pubblico collettivo, ossia bus e taxi; le auto al servizio di persone invalide munite di contrassegno, o veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili, in grado di esibire la relativa certificazione medica, o ancora veicoli di familiari che assistono parenti malati; auto di Enti locali di Stato, Aziende e degli Enti di servizio pubblico solo per emergenze; autoveicoli di cortei e cerimonie religiose preventivamente segnalati al Comando della Polizia municipale; vetture di personale sanitario in servizio di reperibilità o di assistenti domiciliari di associazioni socio-sanitarie-assistenziali che prestino servizio per singoli; veicoli utilizzati da farmacisti con turno di apertura nella giornata; e ancora mezzi per il trasporto di pasti per il rifornimento di mense ospedaliere, case di riposo per anziani o strutture sanitarie e assistenziali; veicoli di lavoratori che stanno rispondendo a chiamata di reperibilità, o di imprese che eseguono lavori urgenti per conto del Comune; mezzi di clienti muniti della prenotazione o della ricevuta alberghiera, limitatamente al percorso tra l’albergo e i confini della città; infine i veicoli utilizzati per la consegna a domicilio per fiorai, ristoratori e pasticceri e per il trasporto di merci deperibili.

Ha aggiunto l’assessore

intanto tra le 9.30 e le 10.30 saranno chiuse al traffico anche le strade del percorso della Tirreno-Adriatica ossia via Tiburtina, dal confine con San Giovanni Teatino, via Conte di Ruvo, via Marconi, ponte Risorgimento, corso Vittorio Emanuele, viale Bovio, piazza Duca degli Abruzzi, via Nazionale Adriatica Nord e Santa Filomena, proseguendo verso nord.

Ha detto il Presidente Renzetti:

A garantire la vigilanza saranno quasi cento unità operative tra Polizia municipale e Protezione civile, mentre già da due giorni  il Consiglio di Circoscrizione si è mobilitato facendo volantinaggio nel quartiere per informare la cittadinanza.

Ricordiamo inoltre che ci saranno due bus navetta , messi a disposizione dalla Gtm, che , ancora una volta saranno a disposizione dei cittadini, gratuitamente , per muoversi all’interno della grande isola. Speriamo che i pescaresi rispondano  collaborando e partecipando alla manifestazione perché per rendere più vivibile l’ambiente in cui viviamo è necessario che ognuno di noi  dia il suo piccolo contributo.