Pescara, riviera sud: si va assestando il traffico dopo la chiusura per i cantieri

assessore Fiorilli per cantiere riviera  sud04Lo hanno assicurato gli assessori Fiorilli e Del Trecco dopo un sopralluogo nella zona interessata dai lavori di riqualificazione

PESCARA –  Gli assessori alla Mobilità e Riqualificazione urbana Berardino Fiorilli e ai Lavori pubblici Isabella Del Trecco, ieri mattina, hanno di nuovo effettuato un sopralluogo nella   riviera sud di Pescara, chiusa alle auto per un lungo tratto a causa della presenza di due cantieri definitivamente partiti, come da programma, il primo nel tratto compreso tra l’incrocio con viale Pepe e l’ingresso del Teatro d’Annunzio, il secondo più a sud, in viale Primo Vere, tra via Luisa D’Annunzio e 120 metri più a sud dell’incrocio con via Braga, dove comunque è rimasta aperta al transito la corsia di marcia lato mare, con senso unico sud-nord. Si è andata assestando la situazione del traffico: non si sono verificati ingorghi, né rallentamenti della mobilità ed è stata completata la segnaletica. Gli assessori hanno così  tranquillizzato gli operatori commerciali della zona, dislocati nell’ultimo tratto di via Luisa D’Annunzio e in piazza Le Laudi, che, nel primo giorno, si sono sentiti isolati per il dirottamento di tutto il traffico su via Scarfoglio e via Braga. Con il trascorrere delle ore gli automobilisti hanno ricominciato a riorientarsi e comunque, incontrando gli stessi operatori con il Presidente della Commissione consiliare Lavori pubblici Armando Foschi, Fiorilli e Del Trecco si sono  dichiarati pronti e disponibili ad apportare ulteriori migliorie alla prima chiusura. L’attenzione resta comunque elevata per la giornata di lunedì prossimo, quando la presenza dei due cantieri coinciderà con il mercato rionale del lunedì che chiuderà alle auto anche viale Pepe, e comunque  si dovrà predisporre un preciso piano di azione in occasione delle partite di calcio del Pescara che interesseranno proprio la zona dello stadio.

Hanno ricordato Fiorilli e Del Trecco:

i Foto-rendering-Fontana-Riviera-sud02due cantieri prevedono entrambi il rifacimento degli impianti fognari su due tratti della riviera sud imponendone la chiusura al traffico, due cantieri che determineranno tempi lunghi di intervento, sino al prossimo 3 maggio, 50 giorni, durante i quali vigileremo in modo serrato sul rispetto dei tempi, fermo restando che, se le condizioni meteorologiche ce lo consentiranno e i lavori termineranno prima, ovviamente anticiperemo anche la riapertura alla viabilità. Il primo cantiere, quello più a nord, interessa il lungomare Cristoforo Colombo, nel tratto compreso tra la rotatoria posta all’incrocio con viale Pepe e sino all’altezza dell’ingresso del Teatro d’Annunzio dove sono in corso i lavori di riqualificazione urbana, affidati all’impresa Ingram: sino a martedì scorso il cantiere aveva occupato solo la corsia di marcia lato mare della strada, consentendo la fruibilità del lato monte della carreggiata con doppio senso di marcia. Ora gli scavi stanno interessando tutto il sottofondo stradale e dunque si è posta la necessità di occupare l’intera carreggiata assolutamente vietata al transito, sia di giorno che di notte, di qualunque mezzo. Per consentire agli automobilisti di bypassare il blocco abbiamo predisposto una viabilità alternativa ovvero: tutto il traffico proveniente da nord con direzione sud (Francavilla al Mare) è stato deviato in via Pepe, svolta su via D’Avalos sino alla rotatoria antistante l’Aurum, quindi svolta su via Luisa D’Annunzio, via Scarfoglio sino a via Braga, quindi svolta a sinistra e percorrenza di via Braga, con direzione monti-mare e svolta a destra per rientrare su viale Primo Vere, ossia sulla riviera, e proseguire verso sud”. “Mercoledì, come da programma è scattato anche il secondo cantiere: in questo caso – ha spiegato l’assessore Del Trecco – si tratta dei lavori del Piano anti-allagamenti affidati all’impresa Caldani Irrigazione Srl, con il secondo Foto-rendering-Fontana-Riviera-sud01blocco del traffico, e l’istituzione dell’interdizione al traffico con divieto di sosta e di fermata della sola corsia stradale lato monti. Anche in questo caso il progetto prevede il rifacimento dell’intera rete fognaria, con due cantieri aperti, il primo in viale Pindaro, e il secondo in via Paolo De Cecco-via Braga-Fosso Vallelunga, un’opera da 2milioni di euro che andrà a risolvere in modo definitivo il problema dell’acqua alta anche su strade come via Pepe, via Marconi e tutte le traverse. Peraltro in questo caso avremo un doppio cantiere perché Pescara Gas sta approfittando della chiusura per effettuare, anch’essa, la sostituzione delle proprie vecchie tubature. Le nuove condotte fognarie saranno in polipropilene e avranno un’ampiezza tra i 700 e i 300 centimetri, condotte che riusciranno a intercettare tutte le acque della zona che verranno dirottate su Fosso Vallelunga dove andremo a installare una valvola che, anche in caso di ‘troppo pieno’ impedirà all’acqua di risalire dai tombini e di riuscire in superficie. Per consentire le opere la viabilità è stata disciplinata nel modo seguente, ossia il traffico proveniente da nord con direzione sud (Francavilla al Mare) è stato dirottato su via Luisa D’Annunzio, via Scarfoglio, via Braga, con direzione di marcia monti-mare, e svolta a destra con rientro su via Primo Vere; il traffico proveniente da sud con direzione nord può transitare sulla corsia di marcia lato mare di viale Primo Vere, dov’è in vigore il senso unico di marcia sud-nord, con svolta a sinistra all’altezza di piazza Le Laudi verso via Luisa D’Annunzio, con direzione di marcia mare-monti.

Per il traffico strettamente residenziale è consentito proseguire in via De Nardis sino a raggiungere l’ingresso-parcheggio antistante il Teatro d’Annunzio con obbligo di svolta a sinistra per l’immissione sul secondo tratto del lungomare Cristoforo Colombo con direzione via Figlia di Iorio”. “Già oggi, al terzo giorno di inizio dei lavori – ha detto l’assessore Fiorilli -, la situazione si è completamente assestata sotto il profilo della mobilità, senza far registrare ingorghi né rallentamenti, e proprio ieri abbiamo incontrato anche gli operatori commerciali della zona, che avevano espresso le proprie preoccupazioni per cantieri tanto impattanti che di fatto sembravano averli isolati. Una migliore sistemazione dei cartelli ha però già ripristinato una situazione di tranquillità, fermo restando che siamo disponibili a ulteriori interventi in corso d’opera. Ovviamente la nostra attenzione dovrà restare alta, anche in vista della giornata calda del lunedì, quando comunque viale Pepe, a ridosso del primo blocco, sarà impegnata dal mercato rionale e rappresenterà un ottimo banco di prova. Intanto per consentire le opere sono in vigore anche gli ulteriori provvedimenti collaterali, ossia il restringimento della carreggiata con istituzione del senso unico alternato sulla carreggiata lato mare di via Primo Vere, in un tratto di 120 metri lineari, compreso tra il civico 38 e il civico 48, che viene regolato da impianto semaforico mobile, sia di giorno che di notte; è stato istituito anche il divieto di sosta e di fermata con rimozione forzata lungo il tratto di viale Primo Vere compreso tra il civico 48 e sino a piazza Le Laudi, e ancora divieto di transito, sosta e fermata sulla corsia lato nord di via Braga nel tratto compreso tra l’incrocio con via Primo Vere e l’incrocio con via De Cecco, utilizzato per il deposito del cantiere; inoltre è stato istituito il divieto di sosta e di parcheggio, ogni lunedì del mese, dalle 7.30 alle 14, sul piazzale–parcheggio recintato situato in via Pepe, angolo lungomare Cristoforo Colombo, per consentire lo svolgimento delle attività del mercato all’ingrosso delle calzature che in parte verrà arretrato.