Pescara: riorganizzazione delle Circoscrizioni

Primi interventi da realizzare nell’ottica del decentramento.

PESCARA – L’assessore al Decentramento Stefano Cardelli e il presidente della Commissione Affari Generali Marco Mambella hanno illustrato i primi interventi nell’ambito del piano di riorganizzazione dei Consigli di quartiere.

Vi sarà una squadra di tre operai, utilizzata stabilmente dalle Circoscrizioni con una rotazione settimanale per realizzare  piccoli interventi di manutenzione ordinaria, verrà conferito un fondo minimo per le attività commerciali e turistiche e inoltre verrà aperta la linea diretta con  la Attiva.

Grazie alla collaborazione con questa società, si potranno segnalare , durante incontri settimanali,piccole emergenze , che si dovessero verificare nel territorio .Cardelli e Mambella hanno detto:

L’obiettivo  è quello di cominciare ad attuare il tanto atteso decentramento, attribuendo una prima autonomia operativa e funzionale alle circoscrizioni, dando loro modo soprattutto di intervenire nei piccoli interventi di manutenzione del territorio, per fronteggiare le richieste ordinarie che provengono dagli utenti, dai cittadini, senza la necessità di interpellare sempre la macchina comunale centrale.

Il primo passo sarà quello di istituire una squadra di tre operai che avranno il computo di effettuare opere immediate di manutenzione ordinaria nelle tre circoscrizioni, ossia la riparazione di eventuali buche o di tratti stradali dissestati, compresi i marciapiedi, la realizzazione di piccoli tratti di segnaletica orizzontale e riparazioni generiche. La squadra dovrebbe effettuare una rotazione settimanale nei tre quartieri, restando a disposizione della Circoscrizione per sette giorni consecutivi. Ovviamente gli addetti opererebbero in stretto collegamento con i responsabili dei servizi tecnici competenti per le modalità e i costi degli interventi.

Il secondo passo riguarda l’apertura di un filo diretto con la Attiva attraverso l’istituzione di un Tavolo permanente: ogni settimana si terrà un vertice con un funzionario o con un dirigente per segnalare le piccole problematiche della zona, come il posizionamento dei cassonetti o l’acquisto di kit per la raccolta porta a porta.

L’amministrazione comunale valuterà poi la possibilità di assegnare ai quartieri una piccola somma anche per le attività commerciali e turistiche, mentre modificheremo i criteri di assegnazione delle attività circoscrizionali, ossia, oltre all’offerta economicamente più vantaggiosa, si chiederà di valutare anche quella qualitativamente migliore per i servizi offerti. Tali provvedimenti sono già stati esaminati dalla Commissione e ora passeranno al vaglio della giunta.