Pescara, rifiuti: orari e modalità di conferimento

L’assessore all’Ambiente Del Trecco illustra l’ordinanza e auspica il rispetto della stessa. Violazioni sanzionate con multe da 500 euro.

PESCARA – In un recente articolo ci siamo occupati dell’ordinanza del sindaco di Pescara per disciplinare gli orari di conferimento dei rifiuti e dato che, con l’entrata in vigore della stessa(1 Febbraio 2010), sono scattati norme e nuovi orari e sono previsti controlli a tappeto e multe per chi non li rispetta, riteniamo opportuno riproporre l’argomento.

Ognuno di noi oltre che rispettare le regole di convivenza civile, conferendo in tempi e modi opportuni l’immondizia, dovrebbe riflettere sul modello di consumatore che rappresenta ed imporsi l’obiettivo di ridurre anche a livello di singolo la produzione di rifiuti.
Solo diventando consumatori consapevoli, che privilegiano prodotti in sintonia con l’ambiente, limitano al massimo quelli “ usa e getta” e gli imballaggi inutili, riusciremo ad acquistare e a produrre meno rifiuti e passare così da un modello insostenibile a quello sostenibile.

L’assessore all’Ambiente Del Trecco è intervenuta per ricordare ai cittadini l’entrata in vigore della suddetta ordinanza, le norme, gli orari e le multe previste dalla stessa e ha detto:

Come previsto sul documento i rifiuti domestici indifferenziati (come l’umido) potranno essere gettati negli appositi cassonetti solo dalle 19 alle 24, mentre i rifiuti derivanti da attività di ristorazione potranno essere conferiti dalle 23 alle 3 di notte.

Discorso diverso per carta e cartoni: i prodotti delle attività commerciali, una volta disassemblati, svuotati, puliti, e raccolti in piccole balle potranno essere riposti fuori dalle attività commerciali in modo ordinato dalle 19 alle 24; carta, cartoni e plastica domiciliare potranno ugualmente essere gettati nei cassonetti dalle 19 alle 24, stessi orari per coloro che sono interessati dal servizio porta a porta, ma rispettando i giorni di conferimento indicati dai calendari della Attiva.

L’obiettivo è far sì che il pattume venga gettato solo dopo la chiusura di negozi e uffici, per evitare di ritrovarci con i cassonetti strapieni dinanzi alle vetrine illuminate, creando situazioni di evidente degrado, ma comunque prima che la Attiva effettui lo svuotamento dei bidoni. Da questa notte scatteranno i pattugliamenti dei vigili urbani che, da un lato interesseranno le discariche abusive, per cogliere in flagranza coloro che usano ogni angolo della città per disfarsi dei vecchi divani o di elettrodomestici inutilizzabili; dall’altro interesseranno il conferimento dei rifiuti.

Ma, in quest’ultimo caso, le verifiche si svolgeranno anche nelle ore diurne, per sorprendere qualche utente più recalcitrante che magari potrebbe decidere di approfittare della pausa pranzo o dell’uscita di casa mattutina verso l’ufficio per disfarsi di qualche sacchetto. Ci sarà sorpreso a violare l’ordinanza riceverà una multa fino a 500 euro. Intanto l’amministrazione sta esaminando alcuni ‘casi’ particolari di attività artigianali che, pur rientrando nel settore della ristorazione, lavorano solo fino alle 14 come, ad esempio, le attività della pasta all’uovo che, chiudendo all’ora di pranzo, per riaprire solo alle 7 del mattino successivo, avrebbero difficoltà oggettive nel conferimento dei rifiuti. Vedremo con i nostri uffici tecnici se per tali utenze sono possibili deroghe, che dovranno essere ovviamente ben motivate.