Pescara, Protocollo d’intesa tra Comune e DMC ‘Terre del Piacere’

 Pescara Protocollo d'intesa con DMC Terre del Piacere per promozione turistica del territorioPESCARA – Il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia, nel corso della conferenza stampa  convocata  ieri con il Presidente  di DMC ‘Terre del Piacere’ Emilio Schirato e con l’assessore al Turismo Maria Grazia Palusci, ha reso noto che nasce a Pescara’Terre del Piacere’, la prima Società consortile pubblico-privata dedicata alla promozione e realizzazione di attività e servizi destinati al mercato turistico e tesa ad attivare  iniziative di marketing territoriale e di valorizzazione delle risorse culturali ed enogastronomiche locali. L’amministrazione comunale  di Pescara  ha aderito  alla Società Destination Management Company, presieduta da Emilio Schirato, attraverso la stipula  del relativo Protocollo d’intesa. Si parte con un finanziamento pari a 250mila euro di start up per il primo triennio, con l’obiettivo di garantire energie a una struttura che ha il potenziale per divenire il volano e il punto di riferimento per sostenere le attività turistiche della città e la qualità della ricettività.

“La giornata odierna – ha detto il sindaco Albore Mascia – è il frutto di un iter cominciato il 28 novembre 2012 con la pubblicazione sul Bura speciale della delibera della giunta regionale contenente l’Avviso pubblico Protocollo d'intesa con DMC Terre del Piacere per promozione turistica del territorio‘Selezione e concessione di aiuti alle Destination Management Company e ai loro progetti di sviluppo turistico di destinazione’, finanziati con fondi Par-Fas 2007-2013, un bando teso a incentivare le imprese locali per rafforzare la competitività del sistema turistico regionale per la realizzazione di progetti d’eccellenza orientati al miglioramento dell’offerta integrata e alla commercializzazione da parte dei DMC. Ma soprattutto il bando mirava ovviamente a passare a un nuovo modello organizzativo del turismo regionale, che fosse in grado di dare impulso alla costituzione di organismi privatistici di elevata professionalità per lo sviluppo delle destinazioni turistiche e del prodotto. Su Pescara si è costituita la società Consortile DMC ‘Terre del Piacere’ che ha partecipato con una propria proposta, la quale ha conquistato un finanziamento pari a 250mila euro per lo start up per il suo primo triennio d’esercizio. A questo punto cominciano le adesioni degli Enti pubblici a tale società consortile, adesioni ufficiosamente preannunciate già da altre amministrazioni, ma Pescara ha voluto essere la prima a sottoscrivere un’intesa formale perché noi vogliamo esserci. Noi siamo consapevoli della vocazione commerciale, turistica, culturale del nostro territorio, una vocazione che va però sostenuta non con le chiacchiere, ma attraverso l’assunzioni di atti concreti e duraturi, instaurando collaborazioni reali con il territorio e lo strumento attraverso il quale potremo intervenire da protagonisti in tale processo è proprio la sottoscrizione di un documento che diventa impegno formale della stessa amministrazione comunale. Il nostro obiettivo comune è quello di implementare i flussi turistici e coordinarli meglio, ottimizzando i servizi di ricettività e di accoglienza, partendo da una base straordinaria, perché sicuramente non c’è in Abruzzo una città che abbia al proprio interno lo stesso numero di punti di ristoro, attività artigianali, laboratori, oleifici come Pescara e la sua provincia. Attraverso questo progetto odierno il Comune di Pescara mira a sostenere – ha puntualizzato il sindaco Albore Mascia – e coadiuvare la società Terre del Piacere; mira a promuovere la partecipazione all’iniziativa e a coinvolgere anche gli imprenditori della filiera relativa all’offerta turistica del territorio; sostenere l’organizzazione, con conseguente arricchimento, dell’offerta ricettiva delle strutture e dei territori coinvolti nel progetto; sostenere la predisposizione di pacchetti di servizi integrati per il turista in tema di ospitalità, trasporto e fruizione dei beni culturali, ambientali, o beni dell’eccellenza enogastronomica prodotti nei territori di riferimento; quindi sostenere la promozione del territorio attraverso l’adozione di comuni strategie di marketing; sostenere lo sviluppo di progetti utili a intercettare la domanda di ricettività alberghiera proveniente dai ‘mercati turistici’ di riferimento, in favore delle imprese; promuovere progetti di ricerca e sviluppo utili; sostenere la progettazione e realizzazione di iniziative innovative per l’erogazione di servizi, per la formazione e informazione delle imprese, valorizzandone le professionalità e incrementando la nostra competitività.  Attraverso il Protocollo andiamo a creare una collaborazione sinergica e coordinata tra tutti i Comuni aderenti e, nello specifico, tra le azioni già individuate, andremo a sostenere il DMC che ha, tra i propri obiettivi, quello di sviluppare l’attuale sistema dell’accoglienza creando un portafoglio di prodotti turistici e organizzando in modo innovativo le possibilità di fruizione del territorio. Fondamentalmente, quindi, possiamo riassumere che con la sottoscrizione del Protocollo odierno ci impegniamo a sostenere ogni iniziativa che abbia, come obiettivo primario, l’incremento dei flussi turistici utilizzando al meglio le risorse che già ci sono sul nostro territorio, ma che vanno evidentemente meglio promosse e comunicate per creare appeal, per incentivare gli incoming. La società Consortile si impegna a convocare tutti gli Enti aderenti almeno 4 volte l’anno nell’Assemblea dei Comuni al fine di illustrare l’attività svolta, individuando le azioni successive da intraprendere”.

Subito dopo il sindaco e il Presidente Schirato hanno sottoscritto il relativo Protocollo d’Intesa.