Pescara: presentato il progetto di integrazione “I Colori del Mondo”

Laboratori linguistici e mediatore culturale per facilitare l’inserimento scolastico di bambini stranieri

PESCARA – E’ stato presentato, il 22 Gennaio 2010, il progetto di integrazione “I Colori del Mondo”, redatto dall’amministrazione comunale di Pescara e finanziato dalla Regione Abruzzo. L’assessore alle Politiche dell’Immigrazione Carla Panzino, alla presenza dei rappresentanti delle associazioni degli immigrati, dei presidenti dei Consigli di Circoscrizione Paolo Tarantelli per Castellamare e Mauro Renzetti per Colli Innamorati, di Chiara Spina, ideatrice dello spot- cortometraggio intitolato “G. di Interazione”, ha illustrato il progetto.

Questo prevede l’attivazione di laboratori linguistici omogenei, per età e livello di conoscenze, tenuti da docenti di lingua italiana e atti a far apprendere velocemente la stessa a bambini stranieri appena arrivati nelle nostre scuole. Inoltre sarà istituita la figura del mediatore linguistico-culturale per facilitare l’inserimento scolastico di un centinaio di bambini, ma anche per stimolare attività di accoglienza idonee a mettere a proprio agio gli stessi e non ultimo per intervenire nei casi di difficoltà di comunicazione tra famiglia straniera e scuola. Le comunità scolastiche dovranno dunque accogliere le differenza linguistiche e culturali e promuovere attività didattiche interculturali, che possano favorire lo sviluppo di un pensiero critico ed aperto al cambiamento, basato sul rispetto reciproco e sulla tolleranza.

Ha inoltre ricordato l’assessore:

Nei prossimi giorni gli uffici comunali convocheranno tutti i dirigenti scolastici che contano la presenza di bambini stranieri nelle proprie aule, circa un centinaio quelli già monitorati, ed entro tre settimane, massimo un mese, intendiamo partire con l’attuazione concreta del programma di intervento, che complessivamente comporterà un investimento pari a 45mila 923 euro, di cui 38mila 269 erogati dalla Regione.

guarda il cortometraggio di Chiara Spina che insieme a Barbara Angelucci ha aperto uno spazio in questo giornale (link)