Pescara, Oddo: “Dobbiamo essere più concreti”

Massimo Oddo

Il tecnico biancazzurro nel dopo partita. E Torrente: “Mi è piaciuto molto lo spirito di sacrificio che hanno messo in campo i ragazzi”

PESCARA – Si respira aria di rammarico negli spogliatoi del Pescara, al termine della gara casalinga contro la Salernitana, finita in parità tra le due squadre.

Il primo a giungere negli spogliatoi è stato l’allenatore del Pescara, Massimo Oddo:

Dispiace, eravamo partiti bene sull’onda lunga di Bari, abbiamo creato tantissimo e concretizzato poco. Fino al gol della Salernitana ero tranquillo, non avevamo subito. Nel calcio però queste partite le puoi anche perdere. Se non abbiamo vinto, abbiamo le nostre colpe. Tante squadre verranno qui a fare la partita che ha fatto oggi la Salernitana, chiusa per poi ripartire. Meglio nel primo tempo? Devo rivedere la gara, ma anche nel secondo abbiamo avuto 4 o 5 occasioni contro il loro muro. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, comunque, ho visto più cose positive che cose negative. Cocco? Ottima partita ha lavorato per la squadra. Gli attaccanti si valutano troppo spesso solo per mille gol e non è giusto. La sostituzione di Mandragora? Avevo paura che prendesse il secondo cartellino giallo”.

Soddisfatto, è apparso invece l’allenatore della Salernitana, Vincenzo Torrente: “In dieci abbiamo fatto le cose migliori. Ci siamo difesi con ordine, siamo ripartiti bene e abbiamo avuto anche le occasioni per vincere. Mi è piaciuto molto lo spirito di sacrificio che hanno messo in campo i ragazzi e la grande voglia che ha permesso loro di portare a casa questo risultato importante”.

Sulla gara: “Siamo partiti abbastanza bene nonostante il cambio di modulo. Purtroppo alla prima ripartenza del Pescara abbiamo preso gol e lì la partita è cambiata. Nel secondo tempo, nonostante l’inferiorità numerica, ho deciso di mantenere i due attaccanti sperando di riuscire a creare qualche difficoltà ai nostri avversari: fortunatamente ci siamo riusciti e faccio i complimenti ai miei ragazzi”.

Infine su Gabionetta: “Penso sia un giocatore che non c’entra nulla con questa categoria e deve sfruttare al meglio una delle ultime occasioni per compiere il definitivo salto di qualità”.