Pescara, mille Scout alla ‘Giornata del Pensiero’

PESCARA – Si è svolta ieri a Pescara la tradizionale e annuale ‘Giornata del Pensiero’, promossa dalla Agesci e quest’anno dedicata al tema della Protezione civile.La manifestazione è iniziata con un momento di incontro presso la Sala dei Marmi della Provincia di Pescara. Presenti le Guide dei vari gruppi scout oltre ai rappresentanti di tutte le Associazioni che hanno lavorato con i ragazzi, come il Comandante Pavese, della Guardia Costiera, e la dottoressa De Cesaris della Prefettura, e poi la Scuola Cani di Salvataggio, il Modavi, l’Associazione Val Pescara, l’Associazione Insieme nel Blu, i Vigili del Fuoco, la Croce Rossa e il Corpo Forestale dello Stato.

Mille Scout giunti da ogni luogo di Pescara hanno invaso il lungofiume nord, per cimentarsi nelle più svariate attività di Protezione civile, dallo spegnimento di un incendio al primo soccorso nel caso di incidenti, sino al salvataggio in mare di utenti a rischio annegamento con l’utilizzo dei cani addestrati. L’assessore alla Protezione civile Berardino Fiorilli, che ha preso parte all’evento, ha commentato:

la Protezione civile rappresenta una delle costole più importanti all’interno di quella complessa macchina che è l’amministrazione comunale e, al suo interno, la presenza e la collaborazione dei volontari è fondamentale e indispensabile. Lo abbiamo sperimentato nell’inverno 2012 quando proprio con i volontari abbiamo affrontato l’emergenza neve in maniera straordinaria, garantendo il soccorso a tutti, raggiungendo i nostri cittadini anche nelle zone più impervie. In 10 giorni di emergenza non una famiglia è rimasta isolata. Per cimentarsi nel volontariato, ancor più parlando di Protezione civile, però, occorre saper fare e saper essere e in tal senso è encomiabile il lavoro di preparazione che garantiscono i gruppi scout, che forniscono ai ragazzi, sin dalla più tenera età, anche la disciplina necessaria per poi poter operare al servizio degli altri acquisendo le necessarie competenze. E molti di quegli operatori che oggi lavorano nella Croce Rossa o nelle Organizzazioni di Protezione civile sono anche ex scout che hanno visto in quelle Associazioni una naturale prosecuzione della propria attività”.

Dopo l’illustrazione delle attività specifiche effettuate dagli scout, nate su iniziativa del fondatore Robert Baden Pawell, e dopo la consegna delle pergamene ricordo alle Istituzioni e Associazioni, la mattinata è proseguita sul lungofiume nord, completamente chiuso al traffico già dalle 8 del mattino, dall’incrocio con via Spalti del Re sino all’incrocio con la rotatoria di via Raffaele Paolucci, e dove sono stati allestiti dei ‘campi-scuola’. “Gli scout, divisi in gruppi, dai lupetti agli esploratori sino alle stesse guide – ha detto l’assessore Fiorilli – si sono cimentati in diverse esperienze: con i Vigili del Fuoco, vestiti con le adeguate protezioni, hanno imparato a spegnere un incendio, apprendendo come si indirizza un estintore verso il fuoco in modo corretto per domare le fiamme. La Croce Rossa ha portato sul posto le proprie autoambulanze medicalizzate per mostrare le prime pratiche di pronto soccorso e rianimazione, insegnando ai ragazzi anche la maniera per praticare una prima fasciatura d’emergenza nel caso di un infortunio. Gli addestratori della Scuola Cani di Salvataggio, accompagnati dagli amici a quattro zampe, hanno illustrato ai bambini scout le tecniche per instaurare un rapporto corretto tra conduttore e animale in modo da potergli insegnare a salvare vite umane. Quindi, per i lupetti, sono state allestite aree gioco ispirate al tema della salvaguardia della natura e dell’ambiente.