Pescara, firmata l’ordinanza per parcheggi strada-parco

PESCARA – L’assessore alla Mobilità del Comune di Pescara Berardino Fiorilli ha  ufficializzato ieri  la firma dell’ordinanza comunale per l’istituzione del parcheggio estivo sulla strada-parco a Pescara: come previsto nel documento, da sabato prossimo, 2 luglio, sino all’8 agosto e poi dal 17 al 21 agosto la sosta sull’ex tracciato ferroviario sarà prevista solo nelle giornate del sabato e della domenica; nella settimana clou di ferragosto, dunque dall’8 al 16 agosto, ad eccezione della giornata del 10 agosto , si potrà parcheggiare tutti i giorni, dalle 8 alle 20, al prezzo di 2,50 euro per l’intera giornata. Il provvedimento riguarderà tutto l’asse compreso tra via Leopoldo Muzii e sino al confine con Montesilvano, con percorrenza a senso unico in direzione sud-nord alla velocità di 10 chilometri orari.

Oggi , durante la conferenza stampa,  saranno forniti  gli ultimi dettagli dell’iniziativa, in via di definizione. L’intero percorso sarà presidiato dagli uomini della Società Pescara Parcheggi, che gestiranno i posti auto a pagamento, dalle unità della Protezione civile e ovviamente dalla Polizia municipale. E sempre per sabato è confermata la partenza del bus navetta gratis dalle aree di risulta, dove peraltro la sosta della domenica resterà gratuita per tutti gli utenti, dunque sia per coloro che usufruiranno del bus navetta per raggiungere il litorale, sia per coloro che si recheranno in centro per altre ragioni.

Ha specificato Fiorilli:

obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di dare servizi alla città, ossia, nel caso specifico, di garantire la disponibilità di soluzioni per consentire a residenti e turisti di fruire della nostra spiaggia, del nostro litorale e delle attività economiche che si trovano dislocate sulla riviera e che rappresentano la nostra ricchezza. Sicuramente il nostro programma di governo punta a incentivare, quanto più possibile, l’uso del mezzo pubblico e del mezzo comunque alternativo all’auto privata, come la bicicletta, e infatti da un lato la nostra amministrazione ha avviato concretamente la realizzazione della filovia sull’ex tracciato ferroviario, oggi una lingua d’asfalto che non ha nulla di ‘parco’, dall’altro abbiamo appena acquistato 50 rastrelliere per le due ruote che dislocheremo nei punti nevralgici della città, a partire dal litorale, e alle quali a breve si aggiungeranno altre 150 rastrelliere messe a bando per la ricerca di eventuali sponsor. Tuttavia tale politica non può comunque ignorare la necessità attuale e odierna di far fronte alla richiesta di aree di sosta proveniente soprattutto da quell’utenza che viene nelle nostre spiagge dalle zone interne della provincia, o anche da fuori regione, un’utenza che tradizionalmente frequenta la parte nord della nostra riviera e che difficilmente potrebbe raggiungere Pescara in bicicletta.

Oggi abbiamo la necessità di dare una risposta a quell’utenza: lo scorso anno i proprietari delle aree del Parco nord ci hanno concesso l’utilizzo della superficie. Quest’anno, soprattutto a causa dei sei anni di promesse deluse ricevute dalla precedente amministrazione di centro-sinistra, gli stessi proprietari, sino a oggi, non ci hanno consentito di beneficiare di nuovo di quelle aree, e non perché ci siamo ricordati della problematica all’ultimo minuto o siamo ricorsi all’improvvisazione. In realtà la trattativa è andata avanti per mesi, ma è evidente che non possiamo costringere un privato a darci in uso una sua proprietà. E a fronte di tale ulteriore emergenza, abbiamo individuato una valida soluzione alternativa, ossia l’utilizzo come parcheggio, per ora limitato alle giornate del sabato e della domenica, della strada-parco, adottando ogni opportuna misura di tutela per ciclisti e pedoni, una scelta peraltro condivisa da tutta la maggioranza di governo.

Con gli uffici tecnici abbiamo individuato cinque punti di ingresso e diviso in cinque tranche l’asse: da via Leopoldo Muzii a via del Milite Ignoto; da via del Milite Ignoto a via Cavour; da via Cavour a via Cadorna; da via Cadorna a via Ruggero Settimo; da via Ruggero Settimo al confine con Montesilvano. E ad ogni ingresso posizioneremo dei cartelli indicando esattamente il nome degli stabilimenti balneari immediatamente prospicienti ogni singolo tratto di strada-parco, in questo modo gli automobilisti potranno accedere e cercare uno stallo di sosta nel tratto di interesse, anche perché non sarà permesso entrare ad esempio in via Leopoldo Muzii per raggiungere uno stallo situato in via Cadorna. In altre parole la strada-parco non diventerà un asse di scorrimento, ma sarà solo una via per raggiungere il primo posto auto utile, in caso contrario lo stesso automobilista sarà invitato a uscire e a reimmettersi nel traffico urbano attraverso la riviera.

Non solo: già da sabato l’ex tracciato sarà presidiato per l’intera giornata dalle pattuglie della Polizia municipale, dalle unità della Protezione civile e dagli addetti della società Pescara Parcheggi che forniranno ogni utile indicazione agli automobilisti. E sempre da sabato entrerà in vigore il bus navetta che trasporterà gratuitamente i cittadini che lasceranno l’auto presso le aree di risulta per raggiungere la spiaggia con il mezzo pubblico: il bus navetta sarà disponibile per ora solo il sabato, la domenica e il giorno di ferragosto, dalle 9 alle 20. Il sabato, come accade già oggi, l’utente parcheggerà la propria auto al prezzo di 2,50 euro per l’intera giornata; nella giornata della domenica lasceremo invece la sosta gratuita sulle aree di risulta, con l’uso gratuito anche del bus navetta. Le partenze saranno ogni 15-20 minuti dalle aree di risulta e il bus percorrerà corso Vittorio Emanuele, via Silvio Pellico, via Leopoldo Muzii, viale Riviera nord, impianto le Naiadi con giro attorno a una rotatoria-slargo che stiamo realizzando attraverso la segnaletica a terra (all’altezza di viale Riviera nord civico 172), e ritorno in viale Riviera nord, via Cadorna, viale Kennedy, viale Regina Margherita, viale Muzii, viale Bovio, via Michelangelo e rientro sulle aree di risulta dove ci sarà il capolinea. All’altezza dello slargo abbiamo istituito il divieto di fermata e sosta sul lato mare per consentire al bus navetta di effettuare la curva. Ovviamente il nostro invito rivolto alla cittadinanza è quello di utilizzare comunque il meno possibile le auto, di preferire le bici o i mezzi pubblici e di rispettare in modo rigoroso la segnaletica stradale e le indicazioni della Polizia municipale. Pescara Parcheggi e gli operai comunali sono già all’opera per realizzare la relativa segnaletica e sabato saremo a presidiare l’ex tracciato ferroviario per verificare il funzionamento di quella che nei primi giorni sarà necessariamente una sperimentazione pronti a inserire eventuali correttivi. E’ evidente che dal prossimo anno tale soluzione non sarà più utilizzabile, visto che per l’estate 2012 l’ex tracciato ferroviario sarà impiegato dalla filovia che comunque già costituirà un ulteriore incentivo all’uso del mezzo pubblico veloce di massa. Ma soprattutto per l’estate 2012 avremo già aperto il capitolo inerente i parcheggi previsti nel Piano triennale su tutta la riviera nord.