Pescara, Fiera di Natale sulle aree di risulta

Apre oggi il mercato natalizio che rimarrà fino all’8 gennaio

PESCARA – Oggi,12 dicembre, aprirà i battenti  la Fiera di Natale sulle aree di risulta dell’ex stazione ferroviaria di Pescara: 40 gli operatori che sino al prossimo 8 gennaio 2012 animeranno il tipico mercatino natalizio, giunto alla diciannovesima edizione, ma completamente rinnovato, sia nella dislocazione logistica che nella tipologia. La struttura è stata spostata lungo il corridoio-camminamento che collega la nuova stazione ferroviaria a piazza della Repubblica, dove già da ieri è iniziato l’allestimento di venti casette in legno e di  una piccola tensostruttura, che ospiterà altri 20 operatori, posta accanto alla vecchia locomotiva.

Inoltre gli ambulanti potranno vendere esclusivamente oggettistica natalizia proprio per caratterizzare la manifestazione come avviene nel resto del mondo e soprattutto garantire un salto di qualità. La nuova collocazione ha permesso di non sottrarre alla città alcun parcheggio sulle aree di risulta, eliminando ogni possibile disagio per gli utenti e garantendo la piena fruibilità dell’area.

L’assessore al Commercio Stefano Cardelli, che, con il Presidente della Commissione Antonio Sabatini, ha seguito i dettagli burocratici dell’allestimento della Fiera di Natale, ieri  ha ricordato:

la  Fiera  rappresenta concretamente un elemento di richiamo e anche di attrattiva. Nei mesi scorsi gli Uffici hanno indetto una gara d’appalto per l’organizzazione dell’evento: tre le domande pervenute, e alla fine il bando è stato aggiudicato all’Agorà Associazione Commercianti su Aree Pubbliche, che da stamane ha avviato l’allestimento del mercatino natalizio completamente rinnovato e migliorato. Innanzitutto la Fiera ha cambiato sede, non più delocalizzato nella parte nord delle aree di risulta, accanto ai vecchi silos dell’acqua, ma si è spostato in una posizione più centrale, ossia ai due lati del corridoio di passaggio che collega la vecchia stazione ferroviaria a quella nuova. Dunque una dislocazione più dignitosa, di maggior rilievo, pienamente corrispondente all’ingresso verso il futuro Centro commerciale naturale, e che soprattutto ci consentirà anche di accendere le luci su quella zona della città. Inoltre non ci saranno più maxi-tendoni, ma venti piccole casette di legno caratteristiche, mini-baite, 20 in tutto, otto sul lato nord del corridoio e 12 sul lato sud. E proprio accanto alla locomotiva si sta allestendo in queste ore una piccola tensostruttura che ospiterà solo 20 operatori. E la Fiera di Natale, da quest’anno, vedrà solo la vendita di prodotti ‘natalizi’ sui banchi dei 40 ambulanti, 9 alimentari e 31 non alimentari, prodotti individuati nel bando, ossia oggettistica in legno lavorata a mano, giochi e idee regalo, addobbi natalizi, specialità di cioccolato, giochi didattici in legno, presepi e artigianato tipico, caldarroste, porcellana decorata a mano e terracotta dipinta, campanelle, fischietti e palle di Natale, prodotti artigianali in pelle e cuoio o prodotti tipici natalizi, candele artistiche lavorate a mano, quadri scolpiti e dipinti sul legno, presepi in legno scolpito e florovivaisti. Le casette di Natale verranno tutte addobbate a tema, tutte uguali, con le luci, lo sfondo rosso e il tetto ricoperto di neve finta, costituendo tra l’altro un elemento di attrattiva in più e un ulteriore motivo per gli utenti per fare i propri acquisti nel Centro commerciale naturale. La Fiera resterà aperta da domani, 12 dicembre, ogni giorno dalle 10 alle 21, con orario continuato, sino all’8 gennaio 2012, e tra l’altro la sua presenza costituirà un ulteriore elemento di ‘sicurezza’ per gli utenti che si recheranno verso il parcheggio a tarda ora. Inoltre la disposizione scelta per la struttura fieristica ci ha permesso di non sottrarre per la prima volta alla città alcun posto auto.