Pescara: Consiglio comunale dei bambini, per dare loro la “voce”

Istituito l’Organismo e presentato il concorso per realizzare il logo del progetto”PescarAccessibile”, per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

PESCARA – Ha avuto luogo questa mattina,  la prima riunione istitutiva del nuovo Consiglio comunale dei Bambini e delle Bambine, composto da studenti delle scuole elementari e medie di Pescara eletti in rappresentanza dei propri Circoli didattici, quattro per ciascun Circolo, due membri effettivi e due supplenti.

Il sindaco Luigi Albore Mascia ha detto:

Tutti i cittadini hanno diritti inviolabili che le Istituzioni, a partire dal sindaco, devono tutelare, proteggere e garantire, ma tutti noi abbiamo anche molti doveri, come quello di amare la nostra bella Pescara e di rispettarla, osservando scrupolosamente l’ordinanza sull’orario di conferimento dei rifiuti urbani, ricordando di non gettare le carte in strada, aiutandoci a tenerla pulita, insegnando ai proprietari dei 12mila cani che ogni giorno passeggiano sulle nostre strade, tra le aiuole, sui marciapiedi, a raccogliere le deiezioni dei propri animali.

Oggi si è istituito ufficialmente un Organismo fondamentale, il Consiglio comunale dei Bambini e delle Bambine che dovrà essere la ‘voce’ dei più piccoli, pronta a denunciare o segnalare disservizi o problemi, un Organismo che quest’anno comincerà subito a lavorare partecipando al concorso indetto dal Comune per la realizzazione del logo per il progetto ‘PescarAccessibile’, la campagna di sensibilizzazione promossa dall’amministrazione comunale per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

A presiedere la seduta è stato il Presidente del Consiglio comunale Licio Di Biase affiancato dagli assessori alla Pubblica istruzione Roberto Renzetti, al Disagio giovanile Carla Panzino e alle Politiche sociali Guido Cerolini. Ben 58 gli studenti seduti sugli scranni: in rappresentanza del I Circolo Didattico Klodiana Rizzo Nervo e Riccardo Moschetta, membri effettivi, e Lorenzo Lussoso e Pietro Palestini come supplenti; per il II Circolo Giorgia Fratini e Giorgio Maione effettivi, Luca Manfrini e Martina Soreca supplenti; per il III Circolo didattico Luca Brunetti e Fausto Biondi effettivi, Sergio Sbrolli e Francesco Falco supplenti; per il VI Circolo Didattico Federico Sablone e Aisha Rose El Khalili effettivi, Edoardo Di Vincenzo e Daniele Ricordi supplenti; per il VII Circolo Claudia D’Orazio e Davide Antonaros effettivi, Isabella Palombaro e Patrick Brattelli come supplenti; per il X Circolo Rachele D’Egidio e Lorenzo Gobbo Carrer effettivi, Marco D’Isidoro e Marco Lupinetti supplenti; per l’Istituto Comprensivo Pescara 1 Francesco Orlando e Tommaso D’Aviero effettivi, e Simone Febo e Francesco Gaspari come supplenti; per la scuola media Antonelli-Croce plesso di via Virgilio Andrea La Morgia e Nansj Sbaraglia effettivi, Riccardo Ricciuti e Andrea Di Camillo supplenti; per il plesso di via Scarfoglio Roberta Tiriticco e Francesco De Palo effettivi, Anna Rita Presutti e Beatrice Cerreto supplenti; per la scuola media Rossetti-Mazzini Sara De Luca e Claudia Iezzi (oggi assente per malattia e sostituita da Andrea Scatozza) effettivi; Alessandro Papa ed Emanuele D’Ilario supplenti; per la media Tinozzi-Pascoli Maria D’Ilio e Alessandro Pace effettivi; Daniele Quisillo e Maria Chiara D’Amico supplenti; per la media Virgilio-Carducci-Montale Federico Cialini e Donatella Pia La Torre effettivi, Luigi Di Matteo e Davide Zazzini supplenti; per la scuola primaria Ravasco Virginia Fazzini e Giulia Mele effettivi, Andrea Coia e Francesco Busich supplenti; per la media Ravasco Pietro Chioda e Pierpaolo Pasetti effettivi, Giorgia Graziani e Claudia Dell’Oglio supplenti; per la scuola Ravasco di viale Bovio Mark Karaci e Ilaria Pietrostefani, entrambi effettivi. L’assessore Panzino ha subito annunciato la volontà di coinvolgere tale Organismo nella promozione di iniziative volte a combattere fenomeni come l’abuso di alcol, la dipendenza da droghe e il bullismo all’interno delle scuole.

A presentare il progetto ‘PescarAccessibile’ è stato l’assessore alle Politiche sociali Guido Cerolini:

L’amministrazione ha inteso lanciare un programma di interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche che ci circondano in città e che spesso complicano la vita di coloro che sono diversamente abili, pensiamo ad esempio alla stessa piazza Italia: in alcuni punti del ci sono gli scivoli per le carrozzine, ma poi dalla parte opposta il disabile incontra lo scalino del marciapiede che gli impedisce di salire. Ai nostri studenti chiediamo ora di ideare un Logo e uno slogan che possano caratterizzare il capoluogo adriatico come città accessibile; tutte le proposte, elaborate dalle singole classi, dovranno pervenire entro il prossimo 30 aprile presso l’assessorato alle Politiche sociali che poi individuerà una giuria chiamata a scegliere il logo più adatto. Nel frattempo stiamo preparando anche un concorso fotografico destinato a immortalare proprio i punti più ‘critici’ del territorio, in palio metteremo delle macchinette fotografiche con le quali gli studenti potranno continuare ad aiutarci e a inviarci le proprie segnalazioni.

Il sindaco Albore Mascia ha invece sottolineato:

l’importanza per tutti noi, a partire dai più giovani, di amare il nostro territorio, di ritrovarci nei suoi simboli, come D’Annunzio che la nuova amministrazione ha scelto come proprio segno identitario. Voi ragazzi avete una grande responsabilità: sarete la nostra classe dirigente del futuro, e dovete dunque imparare sin d’ora a far valere i vostri diritti, ma anche a tenere fede ai vostri doveri, iniziando a tutelare il territorio in cui vivete

Subito dopo la parola è passata agli studenti che, iniziando a segnalare i primi ‘problemi’ su cui intendono lavorare, come la necessità di una migliore pulizia delle strade più sgombre dalle auto o anche il tema delle antenne di San Silvestro, o semplicemente il desiderio di vedere meglio attrezzate le proprie scuole, si sono candidati per l’elezione di due portavoce, un bambino e una bambina. Trentasette i ragazzi che si sono resi disponibili: dodici bambine, ossia Claudia Iezzi, Claudia Dell’Oglio, Claudia D’Orazio, Klodiana Rizzo Nervo, Isabella Palombaro, Giulia Mele, Giorgia Fratini, Nansj Sbaraglia, Donatella Pia La Torre, Aisha Rose El Khalili, Martina Soreca e Virginia Fazzini. Venticinque i candidati maschi, ossia Alessandro Pace, Pietro Palestini, Marco D’Isidoro, Lorenzo Lussoso, Pietro Chioda, Francesco Busich, Francesco Orlando, Alessandro Papa, Giorgio Maione, Daniele Quisillo, Luigi Di Matteo, Edoardo Di Vincenzo, Mark Karaci, Emanuele D’Ilario, Simone Febo, Luca Brunetti, Riccardo Ricciuti, Francesco Gaspari, Andrea La Morgia, Andrea Di Camillo, Luca Manfrini, Tommaso D’Aviero, Francesco De Palo, Marco Lupinetti e Andrea Coia. Visto l’elevato numero di candidati il Presidente Di Biase ha rinviato alla prossima seduta l’elezione dei due portavoce, mentre l’assessore Renzetti ha annunciato che

non appena eletti i due rappresentanti, avrò il piacere di riceverli in assessorato per iniziare a predisporre un programma di lavoro congiunto teso alla risoluzione dei piccoli e grandi problemi del territorio.