Pescara capitale del Wine Export Management

wine2bannerSeconda edizione del Master che unisce cantine estudenti da tutta Italia

PESCARA – Si apre oggi sabato 26 settembre, la seconda edizione del Master in Wine Export Management, unico esempio di percorso specialistico del centro-sud Italia (l’altro a Trento) che ancora una volta ha richiamato appassionati ed operatori del settore da tutta Italia.

Sono 16 i discenti, selezionati in 4 mesi di colloqui, che per 7 mesi (fino ad aprile 2016) avranno la possibilità di imparare cosa significa vendere vino all’estero sia teoricamente che praticamente, tra insegnamenti economici, di legislazione e contrattualistica internazionale, di comunicazione e marketing (anche digitale), fino alla viva voce di export manager del settore vitivinicolo.

“Quest’anno l’aula è composta da discenti che vengono per la maggior parte da fuori regione – specifica Diego Di Girolamo, amministratore di Orienta Formazione e Consulenza – e questa credo sia la testimonianza più lampante di quanto l’argomento sia di interesse, sia per le aziende vitivinicole, sia per i giovani laureati che hanno compreso le potenzialità del comparto enologico per l’economia di questo Paese. L’export del vino continua a crescere e c’è bisogno di persone specializzate che conoscano le lingue, conoscano il prodotto, conoscano le regole internazionali dell’export e che abbiano voglia di iniziare una carriera certamente dura ma dalle grandi soddisfazioni. Il nostro percorso non promette stage finali o tirocini in cantina – specifica Di Girolamo – perché siamo certi che chi ha voglia di iniziare a lavorare nel settore, al termine del nostro percorso ha le conoscenze giuste per farlo. Così è accaduto infatti per alcuni discenti dell’anno scorso che sono stati inseriti come Export Manager in diverse realtà italiane”.

“Anche quest’anno, sfruttando una campagna di comunicazione esclusivamente legata al blogging e ai social network, abbiamo ricevuto una pioggia di richieste, anche più dello scorso anno – spiega Lisa De Leonardis, responsabile della strategia di digital marketing e comunicazione – questo grazie anche alla buona riuscita dell’esperienza della prima edizione e all’ottimo lavoro sul programma che abbiamo fatto in sede di progettazione. Le richieste di iscrizione sono state oltre 200: il 46% degli interessati ha trovato informazioni sul nostro percorso di studio cercando su Google dove, senza spendere un euro in campagne a pagamento, ci siamo posizionati tra i primi 3 risultati per molte parole chiave fondamentali puntando alla qualità dei contenuti e alla SEO. Il 44% circa ci ha trovato sui social network (Facebook, Linkedin, Twitter) dove abbiamo cercato – sempre senza campagne pubblicitarie – di raggiungere le nicchie di mercato interessate all’argomento. L’8% della nostra audience ha saputo di noi dal passaparola oppure da qualche pubblicazione che abbiamo avuto da giornali o quotidiani”.

Realizzato dall’Ente Orienta Formazione e Consulenza e Lisa De Leonardis, l’iniziativa gode dell’importante patrocinio del Centro Estero delle Camere di Commercio d’Abruzzo. Molte le cantine italiane che hanno deciso di concedere la propria partneship all’iniziativa: Cantine Barbera (Sicilia), Vini Calcagno (Sicilia), Vini La Fortezza (Campania) e le abruzzesi Tenuta I Fauri, Cantina Sangro, Jasci E Marchesani, Jasci Vini, Tocco Vini e Vini Alberto Tiberio. Il Master ripete inoltre la collaborazione con Franco D’Eusanio e la sua azienda Chiusa Grande e l’enologo Vittorio Festa che apriranno le lezioni con una due giorni inaugurale concentrata sul vino abruzzese.

Il brindisi inaugurale del Master in Wine Export Management che si terrà oggi, sabato 26 settembre, dalle ore 19,00 presso la sede di Orienta Formazione e Consulenza, in Via Chiarini, 191 a Pescara (zona Stadio Adriatico).