Pescara abbraccia Fastweb e regala internet gratis ai cittadini

Dal 2010 Wi-Fi gratuito in tutta la città; ora solo in Piazza Primo Maggio e Piazza Salotto

PESCARA – Dopo essere già stata sperimentata in altre città quali Roma, Venezia e Torino debutta anche a Pescara la rete gratuita di Fastweb. Come aveva promesso durante la campagna elettorale il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia si è impegnato per  regalare la connessione gratuita ai suoi cittadini. Dal 10 novembre, infatti, in Piazza Primo Maggio e Piazza Salotto si può navigare  nel web senza pagare grazie ad un sistema di Wi-Fi realizzato dalla compagnia telefonica Fasteweb che garantisce una connessione sicura e veloce(fino a 20 Mbps) attraverso un portatile, plamare o smartphone. Il comune inoltre, si sta adoperando per rendere operativa la rete anche in altre zone della provincia: per il 2010 tutta la città avrà la connessione gratis;intanto le aree che usufruiscono di questo servizio verranno indicate da una segnaletica che l’amministrazione comunale sta predisponendo.

Ad annunciare l’iniziativa è stato lo stesso sindaco della città di Pescara, insieme all’assessore al Patrimonio Eugenio Seccia, al responsabile del Servizio Informatica Marco Scorrano e al direttore del Dipartimento Business di Fastweb Roberto Contin, nel corso di una conferenza stampa tenutasi con l’inizio del servizio nelle due piazze centrali, in quell’occasione il primo cittadino pescarese dichiarò:

Ormai il mondo del web fa parte del nostro quotidiano: nel lavoro, nello studio ha completamente sostituito il cartaceo, pensiamo alle lunghe file nelle biblioteche sino a 10-15 anni fa per una ricerca sulle vecchie enciclopedie, o alle lunghe trasferte da un ufficio all’altro a caccia di un documento o di un testo. Con l’ingresso di internet sono state ridotte le distanze, agevolate le comunicazioni e il passaggio delle informazioni da un capo all’altro del mondo. Eppure ancora oggi non tutti possono affrontare i costi legati all’utilizzo del web: parliamo delle spese di attivazione delle linee in adsl veloci, al pagamento dei canoni, anche se il mercato concorrenziale ha favorito un abbattimento dei costi, pensiamo soprattutto a quegli studenti universitari che probabilmente alle spese sostenute dalle famiglie per l’affitto degli appartamenti, per le tasse di iscrizione alle facoltà e per l’acquisto dei libri, non possono sommare anche il pagamento dei canoni di navigazione in rete. Proprio pensando a tali necessità abbiamo inserito nella nostra azione di governo e stiamo realizzando un progetto ambizioso: permettere a tutti democraticamente di accedere a costo zero alla rete internet, poter navigare per ore senza sostenere alcun canone creando una rete wireless che, in questa prima fase, coprirà il ‘cuore pulsante’ della città, il centro, punto di riferimento in termini commerciali, ma anche punto di ritrovo per decine di ragazzi, di giovani, la stessa piazza che intendiamo sottoporre a un’opera di restyling per renderla più attraente favorendo la ’stanzialità degli utenti. A partire da oggi, semplicemente recandosi in piazza Salotto, o in piazza Primo Maggio, magari seduti su una panchina, con un portatile, un palmare o uno smartphone, sarà possibile navigare su internet gratuitamente.

Per accedere al servizio  bisogna digitare il proprio numero di cellulare sul portale del comune che provvederà ad inviare attraverso un SMS una password di attivazione del servizio e avere quindi l’abilitazione alla connessione gratuita a banda larga per sei ore. In questo modo viene rispettata la normativa antiterrorismo come ha spiegato il Responsabile del servizio Scorrano:

Per l’attivazione del sistema, è stato necessario attivare l’installazione di access point sul territorio e poi trovare un modo per conciliare il servizio con la normativa antiterrorismo, la quale prevede che chiunque si colleghi a una rete di comunicazione pubblica deve avere una identificazione preventiva, in teoria dovrebbe passare in Comune per un’autorizzazione formale. A questo punto abbiamo deciso di sfruttare le pieghe della normativa stessa utilizzando la rete della telefonia mobile che presuppone un’identificazione dell’utente all’atto di acquisto di una Sim card, dunque, per accedere gratis alla rete WiFi l’utente potrà cliccare su una qualunque porta, sul computer apparirà una pagina di autenticazione in cui dovrà inserire il numero del proprio cellulare, il sistema gli invierà una password personale, che per sei ore permetterà al richiedente di navigare senza alcun problema con la  connessione a banda larga

Il progetto che costerà all’amministrazione circa 20mila euro rappresenterà solo un beneficio per una città sempre più evoluta, come ha  esposto  Roberto Contin, direttore della Business Unit Executive di Fastweb:

Con questa importante iniziativa, il Comune di Pescara invoglia i cittadini a utilizzare internet contribuendo così a promuovere l’alfabetizzazione informatica, aspetto fondamentale per lo sviluppo. L’iniziativa del Comune rappresenta un grande contributo alla diffusione della cultura informatica nel lavoro, nello studio e nella vita quotidiana.

Non tutti i cittadini però paiono dello stesso avviso; tra di loro infatti, qualcuno ha paura che con la procedura di attivazione del servizio sia minacciata la privacy dei residenti che dovranno fornire il loro numero di telefono mobile e i  loro dati, ma gli organizzatori hanno tranquillizzato che tutta l’operazione è stata guidata con intento di tutelare i pescaresi e non di danneggiarli!