“Patto dei sindaci”: anche il comune di Roseto per l’ambiente

ROSETO – Il comune di Roseto ha scelto di aderire all’iniziativa dell’Unione Europea volta a ridurre entro il 2020 le emissioni di gas che provocano l’effetto serra, fenomeno sempre più diffuso come ha confermato anche Il Panel Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) evidenziando come il peggioramento climatico sia diventata una realtà.

Aderendo al “Patto dei Sindaci” (Covenant of Majors) si ha l’intenzione di vincolarsi a programmare degli interventi pluriennali volti a dare soluzioni positive per l’ambiente.

Queste le parole del Sindaco Franco Di Bonaventura:

Le città sono il livello in cui è più urgente agire per la sostenibilità ambientale, economica e sociale. L’attuale momento di crisi economica e sociale intreccia a doppio filo le sfide per il rilancio dei territori e dell’efficienza energetica. Il Covenant of Majors è volontario e non oneroso. Vincola le amministrazioni comunali che lo sottoscrivono a programmare un complesso intervento pluriennale che, attraverso specifiche politiche locali, sappia dare soluzione agli scopi che hanno animato il Patto.

Nell’intervento dell’Assessore all’Ambiente Achille Frezza viene spiegata l’importanza strategia di questa decisione:

Sulla base delle linee guida dell’UE  il Comune di Roseto riconosce nella Provincia di Teramo la struttura di supporto per tutte le attività necessarie al raggiungimento degli obiettivi fissati dal documento Patto dei Sindaci. Con questo accordo inoltre potremo accedere ai finanziamenti della BEI (Banca Europea degli Investimenti) che interverrà attraverso la concessione di prestiti a tasso agevolato ai Comuni aderenti. Un’occasione importante con cui si potranno attivare progetti innovativi, creare nuove figure professionali e incentivare una nuova imprenditoria nel settore delle tecnologie legate alle fonti energetiche sostenibili.