Ortona,seminario sulla Vita di Lorenzo Da Ponte poeta di Mozart

ORTONA (CH) – Il primo appuntamento seminariale programmato dall’Istituto Nazionale Tostiano per il 2012, è in realtà una manifestazione che doveva svolgersi domenica 12 febbraio, ma è stata rinviata a causa delle avverse condizioni climatiche che hanno interessato l’Italia negli ultimi giorni.

Per la rassegna Ortona Memoria 2012 (gennaio – febbraio 2012), realizzato in collaborazione con il Comune di Ortona, la Biblioteca Comunale di Ortona, il MUBA, l’Ass. Amici della Musica “G. Albanese” ed altre associazioni per ricordare la tragedia dell’Olocausto, domenica 26 Febbraio, alle 17.30, nella Sala di Musica di Palazzo Corvo, si terrà il seminario dedicato alla Vita di Lorenzo Da Ponte poeta di Mozart “raccontato” in modo molto particolare, alternando la musica di Mozart alle memorie del poeta e librettista di origine ebraica e a testi tratti dal processo per malcostume che subì a Venezia nel 1779.

Il seminario, ad ingresso libero, sarà condotto da Paolo Cattelan, docente ordinario all’Università Ca’ Foscari di Venezia, con la collaborazione del soprano Susanna Armani e del pianista Bruno Volpato, che eseguiranno pagine musicali di W. A. Mozart e di G. Gazzaniga.

Cattelan inizierà il suo racconto immaginando l’ormai anziano Lorenzo Da Ponte nel 1819 a New York (dove morì nel 1838), nel piccolo studio in cui dava lezioni di lingua e letteratura italiana. Il grande poeta comincia un lunghissimo viaggio nella memoria con l’obiettivo di scrivere la sua storia e rendere nota al pubblico americano la sua collaborazione con Mozart per i libretti del celebre trittico di opere italiane: Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Così fan tutte. Varca perciò col pensiero nuovamente l’oceano e tenta di riannodare i fili delle sue vorticose esperienze di vita nel vecchio continente: ebreo convertito, poi abate libertino, poeta per musica, impresario… Arte e vita si confondono nella memoria del grande librettista e le donne del suo gran catalogo di seduttore si materializzano nel canto delle eroine rese immortali dalle commedie mozartiane. In questa giostra di apparizioni s’insinua però anche beffardamente un passato che Da Ponte vorrebbe cancellato dalla sua biografia: improvvisamente risuona imperioso il comando della giustizia, e si odono le parole dei testimoni di un clamoroso processo per malcostume che mai Lorenzo avrebbe desiderato ricordare… Insomma, un percorso inedito ed affascinante che vale la pena ripercorrere.

L’ingresso al seminario è libero e gratuito.