Pescara, si presentano i Naturalisti

presentazione NaturalistiIl Movimento si rifà al Naturalismo

PESCARA – I Naturalisti, con i propri delegati, per le attività ambientali, sociali e politiche nella Regione Abruzzo si sono presentati con un incontro presso la sede della Provincia di Pescara. Hanno già presentato a maggio scorso una lista per le comunali di Pescara, preludio alle attività organizzative sul territorio abruzzese. Il Naturalismo è un’ideologia che Gabriele Nappi ha preso dalla storia, ideologia sviluppatasi in Europa e diffusasi in tutti gli aspetti dalla letteratura alla pittura, dalla filosofia alla scienza sino alla politica.

Il Naturalismo e l’atteggiamento ideologico dei Naturalisti, si evolve in un generico democraticismo iniziale a posizioni dichiaratamente volte ad un socialismo umanitario. Il Naturalismo, possiamo affermare, che è nato prima del socialismo, del fascismo, del Liberismo, del Comunismo ed era contemporaneo al Partito Democratico. Si opponeva ai partiti assolutistici come quelli monarchici o quelli dittatoriali.

Ma in considerazione di quelli che sono i corsi e i ricorsi storici, oggi, possiamo anche affermare che il Naturalismo è una ideologia contemporanea come contemporaneo ne è il Movimento che persegue come obiettivi e finalità la tutela e la salvaguardia dell’uomo, della società, dell’ambiente e della Natura. Obiettivi e finalità queste che sono rivolte innanzitutto per il futuro e la salvaguardia delle giovani generazioni.

“Si vuole organizzare questa rete – ha spiegato il presidente Gabriele Nappi – per affrontare tutte le problematiche che ci sono sull’ambiente, soprattutto per impegnarci per la costituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina. Poi cercheremo di divulgare le attività culturali e l’Abruzzo ne è ricco un po’ in tutti i comuni. Lo stesso Gabriele D’Annunzio, nella sua ultima fase letteraria, ha scritto in modo naturalista avvicinandosi alle idee letterarie di Zola, quindi si avvicinò alle problematiche popolari della gente, ma vista un po’ più dall’alto rispetto a Zola”.