Pescara,la Giunta approva lo schema della macrostruttura del Comune

L’assessore Santavenere: “Un’organizzazione nuova che nasce per lavorare e per valorizzare le competenze interne”

PESCARA -Ieri  la Giunta ha approvato lo schema operativo della nuova macrostruttura del Comune di Pescara. Si tratta dell’ossatura dei Settori e dei Servizi, disegnata ricalcando le linee di mandato dell’Amministrazione Alessandrini, che avrà il compito di rendere l’operato dell’Ente più capillare, dinamico, semplice ed efficiente per la comunità. Definiti tutti i passaggi amministrativi e burocratici, il nuovo assetto organizzativo andrà a regime dal 16 novembre prossimo.
I punti cardine sono diversi: si parte dalla creazione di un unico e grande settore dedicato alla Manutenzione, fulcro del mandato sindacale, che vede proprio nella manutenzione della città la maggiore opera pubblica dell’Amministrazione.
Le posizioni dirigenziali sono passate da 17 a 16. In base alla previsione del DUP viene eliminato un Settore nello spirito della riduzione dei costi del personale e del miglioramento dell’efficienza dell’azione amministrativa, si tratta del Settore Politiche della Casa, Urbanizzazioni e Demanio, i cui servizi sono stati rimodulati negli altri settori del Dipartimento Tecnico.
La  macrostruttura prevede il potenziamento dei Servizi, ovvero il braccio operativo dei Settori, che sono in tutto 50, per rendere più efficiente ed efficace la macchina organizzativa, senza ulteriori oneri a carico dell’Ente.
In questa ottica nasce il Servizio Controlli amministrativi-anticorruzione, per potenziare la trasparenza e la legalità, unitamente all’implementazione di processi di semplificazione amministrativa.
Un’attenzione specifica  è dedicata al funzionamento degli sportelli che sono: Sportello Unificato per il Cittadino e Sportello Unico integrato per l’edilizia e le Attività produttive che, in stretto collegamento con l’Urp vogliono accorciare le distanze con cittadini, imprese e operatori economici.Particolare  rilievo è rivolto all’innovazione tecnologica, finalizzata a rendere le procedure amministrative più efficienti mediante l’utilizzo massiccio dell’informatica e delle nuove tecnologie. Fra le novità la creazione di un Servizio dedicato alla Protezione Civile e alla responsabilità in materia di sicurezza negli ambienti di lavoro.
“La nuova Macrostruttura nasce per far ripartire la macchina comunale in economia e guardando ad efficienza e competenza delle risorse interne – così l’assessore al Personale Sandra Santavenere – I settori sono stati ridotti, un asciugamento che comporta un ampliamento dei servizi a livello orizzontale, questo anche per favorire lo sviluppo dei quadri intermedi, attraverso la promozione del personale interno e la diffusione delle responsabilità e delle competenze. Approvato lo schema, successivamente saranno nominati i dirigenti dei vari Settori con atto del sindaco, che a loro volta sceglieranno i capi servizio in base alla nuova ristrutturazione e alla creazione dei nuovi servizi che affiancheranno quelli esistenti, per affrontare meglio il lavoro che ci aspetta. La novità della nomina dei capi servizio da parte dei dirigenti e non più da parte del Sindaco, è stata introdotta da questa Amministrazione nel rispetto della normativa vigente in materia, normativa che punta a responsabilizzare sempre di più la dirigenza pubblica nel raggiungimento degli obiettivi programmatici fissati dagli organi politici dell’Amministrazione”.