L’UDC a fianco dei 420 lavoratori della Honeywell in Val di Sangro

Chiesto un nuovo incontro al Ministero

FOSSACLogo_UdC_ESIA (CH) – “Convocare un nuovo incontro al Ministero dello Sviluppo Economico con la partecipazione dei vertici americani e francesi della Honeywell per avere sul tavolo un piano di rilancio del sito della Val di Sangro”.

E’ quanto chiede il Segretario regionale dell’UDC, Enrico Di Giuseppantonio, tra l’altro sindaco di Fossacesia, comune interessato alla vertenza.

L’UDC Abruzzo ha diffuso un documento, a firma dei segretari regionale e provinciale Enrico Di Giuseppantonio e Andrea Buracchio, in cui si sostiene: “La Honeywell è un’industria storica della nostra area industriale e negli anni è stata protagonista dei mercati. Gli operai che vi lavorano sono preparati e altamente specializzati. L’azienda, tra l’altro, è in utile e non si comprende per nulla quali siano le ragioni per le quali ci si trovi a dover affrontare una situazione come questa.

Le giustificazioni sulla ‘sicurezza’ addotte dalla Honeywell dopo gli ultimi eventi sismici che hanno interessato l’Abruzzo non trovano riscontro nella realtà. Quel che invece preoccupa è l’intenzione di voler delocalizzare la produzione in Slovacchia. Non accettiamo questa ipotesi e ci schieriamo a fianco dei 420 lavoratori e alle loro famiglie in difesa dell’occupazione”.