L’Aquila, Università: presentazione del libro “Pandemie. Virologia, patologia e prevenzione dell’influenza”

L’AQUILA – Sarà presentato domani ,25 maggio, alle ore 12.00, presso l’aula C1.10 della Facoltà di Scienze MM.FF.NN. (Polo Universitario di Coppito – AQ) il  libro “PANDEMIE. VIROLOGIA, PATOLOGIA E PREVENZIONE DELL’INFLUENZA” di Aldo Lepidi e Mauro Bologna, pubblicato dalla Casa Editrice Bollati Boringhieri di Torino.

Fino a 50 anni fa, epidemie e pandemie (vaiolo, influenza, peste, tubercolosi, colera ..) erano la principale causa di morte nell’uomo. Le cose andavano così da circa diecimila anni, da quando cioè il genere umano aveva raggiunto una densità di popolazione sufficiente a mantenere in circolazione gli agenti delle diverse malattie infettive. Molte volte, la storia dell’uomo è stata determinata dalle malattie infettive che hanno fatto cadere o permesso l’affermazione di imperi e civiltà.

Agli inizi del ‘900, l’uomo ha scoperto i batteri e i virus patogeni ed ha imparato a combatterli e controllarli.

Per la prima volta, le malattie infettive non sono state più la prima causa di morte e per mezzo secolo, si è pensato di poter dimenticare la loro minaccia. Batteri e virus stanno però rapidamente attivando delle contromisure e tornano ad essere pericolosi (nuovi patogeni o patogeni multiresistenti). I virus dell’influenza sono tra i più pericolosi, perché hanno una genetica molto variabile ed un ciclo naturale che li fa moltiplicare negli animali, per colpire l’uomo all’improvviso, in forme imprevedibili.

Nel secolo scorso, l’influenza ha ucciso 100 milioni di persone (50 milioni solo la “Spagnola”), ma già in precedenza aveva causato più volte danni terribili.Il volume affronta i problemi legati alla pericolosa  diffusione di virus influenzali, alla luce delle attuali conoscenze scientifiche e cerca di  rispondere ad alcuni interrogativi.

Siamo scientificamente certi di poter contrastare un possibile, anzi probabile, ritorno di un’influenza ad alta mortalità capace, nel giro di settimane, di mettere a letto ed uccidere tante persone da fermare il progresso dell’umanità? Sappiamo come comportarci, personalmente e come società organizzata, per confrontarci con il pericolo ricorrente delle epidemie e pandemie influenzali?

Il programma della presentazione prevede i saluti dei rappresentanti dell’Università:

prof. Ferdinando di Orio, Magnifico Rettore dell’Università;
prof.ssa Paola Inverardi, Preside della Facoltà di Scienze MM.FF.NN.;
prof.ssa Maria Paola Cerù, Direttore del Dipartimento di Biologia di Base ed Applicata;
prof. Edoardo Alesse, Direttore del Dipartimento di Medicina Sperimentale.

Interverranno gli autori del volume: prof. Aldo Lepidi e prof. Mauro Bologna. Seguirà un dibattito con il pubblico presente.