L’Aquila: riconoscimento alla C.R.I. in onore di Maria Pia Renzetti

Consegnato dalla Provincia un riconoscimento alla Croce Rossa Italiana per l’azione meritoria svolta nell’emergenza del dopo terremoto.

L’AQUILA –  Nell’Italia degli scandali, dei furbi, dei corruttori e dei corrotti  vive ed agisce incessantemente un popolo invisibile di uomini e donne,  che spontaneamente e gratuitamente svolgono un’azione meritoria ed efficace nei confronti di problemi contingenti più vari e delle persone più deboli, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle stesse e far maturare un maggior spirito di  solidarietà.

In occasione del II° anniversario della scomparsa di Maria Pia Renzetti, giornalista aquilana fortemente impegnata nel sociale come infermiera volontaria nella Croce Rossa Italiana, la Provincia dell’Aquila ha consegnato un riconoscimento in suo onore alla C.R.I. per il prezioso lavoro svolto nell’emergenza post sisma, impegnandosi a sostenere il gravoso compito dei volontari che, come lei, fanno della propria vita una missione umanitaria.

Alla cerimonia, che si è svolta ieri mattina presso l’Auditorium “Elio Sericchi” della Cassa di Risparmio dell’Aquila, erano presenti la Presidente della Provincia, Stefania Pezzopane, il Vicesindaco del capoluogo, Giampaolo Arduini, il Presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo, Stefano Pallotta, il giornalista e scrittore Luigi Marra, compagno nella vita di Maria Pia Renzetti, il Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università dell’Aquila, Giannino Di Tommaso, e Vanda Giglio, l’Ispettrice della CM Abruzzo alla quale la Presidente Stefania Pezzopane ha consegnato il riconoscimento.

Ha detto la Pezzopane:

Se prima del 6 aprile era importante ricordare Maria Pia Renzetti, adesso è indispensabile. Mai come ora abbiamo bisogno dei piccoli eroi, delle piccole eroine quotidiane che riescono ad essere anche più vicine ai cittadini. Le persone che riescono a fare il proprio dovere rappresentano un esempio per la società.