L’Aquila,Giornata di studio : “Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico nelle Università ed Enti Pubblici di Ricerca: Quo Vadis ?

L’AQUILA – Domani, 24 febbraio 2012 alle ore 09.00, presso l’Auditorium dell’Università degli Studi dell’Aquila, in Via Giovanni Falcone, 25 (Coppito AQ), si terrà una giornata di studio sul tema “Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico nelle Università ed Enti Pubblici di Ricerca:Quo Vadis ?”.
La giornata intende aprire un dibattito sulla ricerca e gli strumenti del trasferimento tecnologico in Italia; saranno presenti, oltre al Magnifico Rettore Prof. Ferdinando di Orio, l’Assessore Regionale alle Politiche Attive del Lavoro Avv. Paolo Gatti, ed alcuni dei principali espertinazionali del trasferimento tecnologico.
“Fin dall’inizio del mio mandato, ho fortemente sostenuto politiche attive di trasferimento tecnologico. Questa iniziativa tende ad allargare e creare sinergie in ambito extra regionale” afferma il Rettore, prof. Ferdinando di Orio, che aprirà i lavori.
I relatori, rappresentanti di importanti Università, Centri Nazionali di Ricerca e Parchi Scientifici in Italia, forniranno un ampio quadro della situazione e delle prospettive della ricerca, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico.
L’iniziativa trae spunto dall’inaugurazione della III edizione del Master di II livello in “Proprietà Intellettuale/Industriale e Trasferimento Tecnologico (IPTT)” e dall’avvio delle Borse diInnovazione e Trasferimento Tecnologico (RETAFO), attività coordinate dal  prof. Marcello Alecci, Prorettore Delegato per la Valorizzazione Economica della Ricerca.
All’evento, aperto alle imprese del territorio, parteciperanno, oltre al personale dell’Ateneo, gli allievi del Master IPTT ed i borsisti RETAFO, che con il supporto economico della Regione Abruzzo all’interno del Progetto Speciale Multiasse Reti Alta Formazione, sono stati selezionati dall’Università, e stanno svolgendo attività di innovazione e di trasferimento tecnologico per 10
mesi, presso le Piccole e Medie Imprese del territorio regionale e gli Spin off dell’Ateneo.