L’Aquila, L’invenzione della Memoria

locandina invenzione della memoriaIl 30 Settembre e il 1 e 2 Ottobre 2015  alle ore 11:00  presso l’auditorium di Shigeru Ban del Conservatorio “A. Casella”

L’AQUILA – Prosegue con successo la stagione del Teatro Dedalus e di Fortuna Major Ensemble
Lo spettacolo, articolato in forma di Reading in un atto con voce narrante e strumenti musicali, è liberamente tratto da “il Piccolo burattinaio di Varsavia” di Eva Weaver, un racconto attraverso il quale la voce narrante propone una intensa riflessione sulla capacità di inventare la propria realtà e la propria memoria riscoprendo la propria creatività.
La creatività è una forma di resilienza che ognuno di noi dovrebbe imparare per essere felice e soprattutto per riuscire a cambiare quel piccolo pezzetto di mondo che abita, questo è il tema principale dello spettacolo, che comincia in una innevata New York, con Mika e Daniel che camminano sulla settantaduesima, cinquanta anni e un oceano distanti da Varsavia durante l’occupazione nazista.
Mika racconta la sua storia a Daniel, suo nipote, racconta del cappotto di suo nonno, del sarto che lo ha cucito, dei tedeschi che lo hanno bramato, degli sconosciuti che ha salvato.
Il cappotto che ha cambiato il corso del tempo e della storia e che ha inventato nuove realtà per centinaia di sopravvissuti.manu
Anna Manuela Del Beato, attrice e regista di grande e fortunata esperienza, sarà la voce narrante. La accompagnano in questo spettacolo Giada Santoro, che affianca l’attività di soprano belcantista alle produzioni contemporanee e le sperimentazioni sulla musica mediterranea, Giulio Petitta, sax soprano, musicista di grande sensibilità e bravura tecnica e Mauro Vaccarelli polistrumentista, chitarrista e contrabbassista molto attivo nel panorama musicale italiano.
La regia è affidata ad Andrea Serena Barreca
Lo spettacolo partecipa al festival “Liber- L’Aquila , Illustriamoci”  ed è aperto al pubblico che condividerà la sala con gli alunni di alcune scuole del capoluogo abruzzese.