Lanciano, Teatro della Memoria: “La Sapienza delle Mani”

SapienzaMani_Tinari(FotoMatteoLorenzet)LANCIANO (CH) – Venerdì 15 marzo,alle ore 21.00, nell’ambito della stagione 2012/2013 del Teatro Fenaroli di Lanciano, prenderà il via la rassegna “Teatro della Memoria”; il primo appuntamento in programma presso l’Auditorium Diocleziano sarà lo spettacolo di Narrazione “La Sapienza delle Mani”, narratore Gabriele Tinari, chitarrista Stefano Di Matteo – Teatro dei Calzolari.I 5 spettacoli che la rassegna propone il 15 e 21 marzo, il 4, 14 e 21 aprile inglobano e coniugano in loro tre caratteristiche che li rendono culturalmente interessanti ed artisticamente validi. La prima peculiarità è che si tratta di spettacoli che, attraverso l’arte teatrale, ci raccontano pagine e personaggi della nostra storia, locale o mondiale. A ciò si aggiunge il fatto che queste storie ci vengono proposte da attori che operano nella nostra città (Gabriele Tinari, Stefano Angelucci Marino, Eva Martelli, Carmine Marino, Piera Spaziani). Terza caratteristica è che gli spettacoli verranno proposti presso l’Auditorium Diocleziano ed il Polo Museale Santo Spirito che, per l’occasione si trasformeranno in teatro per accogliere e far risuonare questi frammenti teatrali di storia. Questo interessante trinomio (raccontare la storia da parte di attori locali nei luoghi nella città) evidenzia, ancora una volta, la vivacità culturale della nostra Lanciano che, attraverso il Teatro della Memoria vuole offrire al pubblico momenti non solo artistici, ma anche di riflessione, auspicando che ciò possa coinvolgere in modo particolare i giovani, anche grazie all’accessibilissimo costo del biglietto d’ingresso.

La Sapienza delle Mani è un racconto che ripassa la memoria di persone che hanno realizzato la loro esistenza attraverso il lavoro sapiente delle mani, gli artigiani, nelle loro botteghe, luoghi d’incontro e per i bambini di conoscenza e d’incanto. Come tutte le storie anche queste attraversano momenti: comici, poetici, umoristici, tragici. Momenti che mostrano sentimenti e logiche che appartengono al tessuto delle relazioni umane.

Biglietti in vendita presso il botteghino del teatro (lun/ven 16.30/19.30).