L’Abruzzo all’interno della guida turistica Bradt

PESCARA – Sarà distribuita in 70 paesi del mondo, tra cui il Sud Africa e la Nuova Zelanda la prima guida turistica, interamente inglese, che la prestigiosa casa editrice Bradt Travel Guides ha dedicato all’Abruzzo, come primo titolo della collana italiana.

E’ la prima volta che un soggetto commerciale decide di investire risorse proprie su una guida turistica dedicata all’Abruzzo

ha dichiarato l’assessore al Turismo, Mauro Di Dalmazio, che ha presentato l’iniziativa di co-marketing Regione Abruzzo Aptr, Bradt nel corso di una conferenza stampa, che ha poi proseguito dicendo:

si tratta di un fatto di enorme importanza dal nostro punto di vista perché accanto all’apprezzamento oggettivo verso le caratteristiche della nostra regione, rivela un interesse verso le possibilità di business legate all’Abruzzo.

L’assessore Di Dalmazio ha inoltre aggiunto:

Questa operazione rappresenta il culmine di una serie di iniziative intraprese nei confronti del mercato turistico inglese, basti citare la road mapp a Londra per riposizionare l’immagine turistica dell’Abruzzo dopo il sisma.

La guida, con il supporto dell’Aptr, è stata curata interamente dalla casa editrice inglese, compresi i contenuti a firma di Luciano Di Gregorio, un abruzzese trapiantato in Australia. Le iniziative di co-marketing Regione Abruzzo, Aptr e Bradt prevedono un’intensa e ramificata attività di promozione della guida attraverso press tour in Abruzzo della stampa specializzata inglese, la visione sul sito web di Bradt e, grazie ad una partnership con il sito americano GeckGo, la diffusione verso 550 mila visitatori. E’ prevista, infine, l’offerta dei diritti della guida agli editori partner di Bradt in Russia, Polonia, Estonia, e Repubblica Ceca. La guida, intanto, è già stata presentata nei giorni scorsi, in collaborazione con Enit, all’Istituto italiano di cultura a Londra, alla presenza della stampa specializzata inglese. L’incontro con i giornalisti specializzati, tra cui quelli dell’Independent on Sunday, del The Indipendent, e del British italian society, si è concluso con una degustazione dei prodotti tipici abruzzesi offerti dall’azienda “Terre del Gusto”, e con la proposta di piatti tipici preparati dagli chef Gabriele Marrengoni e Mauro Angeloni ed i loro staff.

Il commissario straordinario dell’Aptr, Gianluca Caruso ha spiegato che

durante la serata che ha avuto un gradissimo successo anche grazie alla proposizione di un percorso gastronomico, attività di marketing per eccellenza, è stata lanciata l’idea di una serie di concorsi che consentiranno di vincere vacanze gratuite in Abruzzo ai lettori delle testate inglesi che vorranno partecipare.

Sono stati proposti quatto soggiorni diversificati in quattro prodotti turistici particolarmente apprezzati dal turismo inglese: una vacanza attiva nel parco del Gran sasso Monti della Laga; una settimana nei borghi d’Abruzzo del club “Borghi più belli d’Italia”; un week end natura nel Parco nazionale d’Abruzzo; un week-end gastronomico.

ha concluso Di Dalmazio ha concluso sottolineando che

la rivista turistica Wanderlast ha proposto per le vacanze 2010 l’Abruzzo, come unica meta italiana tra le cinque o sei destinazioni nel mondo.