Kung Fu Heroes al Teatro Massimo di Pescara

Esibizione culturale e sportiva di 14 campioni cinesi.

PESCARA – Si terrà oggi, 30 Gennaio 2010, al Teatro Massimo lo spettacolo Kung Fu Heroes, promosso dall’atleta Osvaldo Taresco, e che avrà per protagonisti 14 atleti cinesi , alcuni campioni mondiali.

La manifestazione mix di sport e spettacolo, conferma la vocazione del nostro territorio verso appuntamenti importanti e di rilievo mondiale. Si potrà cogliere l’aspetto artistico e culturale dl Kungfu, arte marziale che ha le radici in varie discipline dalla difesa personale fino alla medicina e si potrà ammirare l’arte dell’antica lotta con le armi. Dunque esibizione culturale e sportiva di alto livello tecnico che riporta alla ribalta le antiche arti e tradizioni cinesi.

A tale proposito il Sindaco Luigi Albore Mascia, ha detto ieri nella Conferenza stampa di presentazione:

Lo scorso luglio le potenzialità della nostra città sono letteralmente esplose con i Giochi del Mediterraneo del 2009, un’edizione unica per numero di atleti partecipanti, per numero dei record messi a segno, per numero di nazioni presenti e di turisti che hanno scelto il capoluogo adriatico per le proprie vacanze proprio nei giorni dei Giochi, abbinando ferie e sport. E ormai sono solito ricordare che quei Giochi hanno portato fortuna a Pescara, facendoci meritare la stima e l’ammirazione del mondo intero e soprattutto della massime autorità sportive italiane, prime fra tutte quelle del Commissario dei Giochi, l’amico onorevole Mario Pescante, vicepresidente del Comitato Olimpico Internazionale, e del Presidente del Coni Gianni Petrucci. Dopo i Giochi Pescara ha avuto l’onore di ospitare altri eventi di enorme rilievo: l’amichevole di lusso Italia-Olanda, la partita tra vecchie glorie del Milan anni ’80 e le vecchie star del Pescara degli anni d’oro, il Trofeo Tim, che ha portato a Pescara le tre maggiori squadre del campionato italiano, Juve, Milan e Inter. Pescara ha ospitato la Coppa del Mondo, registrando la presenza di centinaia di cittadini che hanno visitato il nostro Palazzo comunale per vedere quella Coppa prima della partenza per il Sud-Africa. In piena estate, presso lo Stadio del Mare, abbiamo ospitato alcuni dei più grandi campioni mondiali di Kick Boxing. Pescara ha avviato il proprio cammino per la candidatura a Città Europea dello Sport per il 2012. E non basta: lo scorso dicembre sono stato invitato come ospite esterno d’eccezione all’Assemblea nazionale del Coni, durante la quale mi è stato conferito un riconoscimento ufficiale per l’impegno profuso dalla città in occasione dei Giochi e per il perfetto funzionamento della macchina organizzativa. E, nella stessa giornata, abbiamo preso parte a un incontro ristretto teso a individuare quelle manifestazioni sportive internazionali che potranno essere dirottate su Pescara, come il campionato internazionale di Beach Rugby, da svolgere sulle nostre spiagge. E, ancora, qualche settimana fa, abbiamo avuto un incontro teso a trasferire a Pescara il Meeting di Rieti, il meeting dei record, secondo solo al Golden Gala di Roma, che ogni anno ospita alcuni tra i maggiori atleti del mondo di atletica leggera e che potrebbe essere portato per sempre a Pescara, con appuntamento al prossimo 29 agosto. E l’attenzione della nuova amministrazione nei confronti dello sport ritengo sia più che evidente: esattamente due settimane fa abbiamo restituito alla città il campo ‘Adriano Flacco’, ricostruito in un mese e mezzo in erba sintetica, con la realizzazione degli spalti e degli impianti. Pescara ha dunque una chiara vocazione turistico-sportiva che abbiamo intenzione di sostenere, promuovendo iniziative di carattere internazionale come Kung Fu Heroes. Tra l’altro il capoluogo adriatico comincia ad avere un rapporto privilegiato con l’Oriente visto che appena un mese fa abbiamo inaugurato presso l’Aurum una prestigiosa mostra su antichi costumi cinesi, con la presenza dell’ambasciatore cinese a Roma alla cerimonia d’inaugurazione. Mascia e Taresco hanno spiegato che al Massimo “Si esibiranno 14 atleti con il wushu e con la danza dei due leoni due momenti che fanno parte delle feste tradizionali e delle arti cinesi, con l’obiettivo anche di divulgare la civiltà e la cultura cinesi, contribuendo alla cooperazione tra i due paesi. Lo spettacolo, che per la prima volta approda in Italia, si articolerà in cinque momenti principali, e due esibizioni con contenuti acrobatici. Tutti gli artisti sono di età compresa tra i 19 e i 39 anni, e appartengono alla Squadra dell’Università dello sport, alcuni sono anche campioni nazionali. Fra loro si sono quattro atleti specializzati nelle esibizioni con i Leoni del Sud.