Incontro Confapi Abruzzo e Abruzzo Sviluppo per sostegno PMI. Petricca: “ogni entità deve tornare a recitare il proprio ruolo”

CITTA’ SANT’ANGELO (PE) – Si è svolto nel pomeriggio, all’hotel Miramare di Città S. Angelo, con una massiccia partecipazione di imprenditori  – piccoli e medi – giunti da ogni parte della Regione, l’incontro voluto dalla CONFAPI Abruzzo con Abruzzo Sviluppo, società in house della Regione Abruzzo.

Durante l’incontro, prima l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico, Alfredo Castiglione e poi il presidente di Abruzzo Sviluppo, Nello Rapini, hanno informato i numerosi imprenditori presenti circa le opportunità offerte dal Programma Regionale per il consolidamento delle passività a breve a beneficio delle PMI abruzzesi e circa le modalità per accedere ai contributi.

La dotazione finanziaria, è stato ribadito, per questa misura è di  6milioni e 500mila euro a beneficio delle Piccole e Medie imprese (PMI) aventi sede legale e almeno un’unità produttiva nel territorio abruzzese, ad  esclusione di quelle operanti nei settori dell’agricoltura, della pesca, dell’acquacoltura e dell’industria carboniera.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del “Programma di misure straordinarie” (c.d. Pacchetto Anticrisi) varato dalla Regione Abruzzo per contrastare la crisi economica  e sostenere la ripresa produttiva del territorio, anche in virtù dell’Accordo Quadro siglato con l’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e l’Unicredit Mediocredito Centrale.

Plaude all’iniziativa posta in essere dalla Regione Abruzzo Ernesto Petricca, Segretario Regionale CONFAPI, il quale ha però ribadito che per evitare “confusione” ed “accavallamenti” nei ruoli e nella concertazione con le istituzioni, “ogni entità, sia essa datoriale, sociale o anche politica, deve tornare a recitare il proprio ruolo, nell’ambito specifico di appartenenza”.

Queste le conclusioni di Petricca:

Le Piccole e Medie Imprese trovano la naturale collocazione nella CONFAPI, Ente Datoriale nato e radicatosi sul territorio per sostenere le piccole e medie imprese presenti in Abruzzo altrimenti, si rischia di generare confusione verso gli operatori economici che rischiano, con capitali propri interamente ed esclusivamente “nostrani”, e di creare altresì in loro un effetto di “spiazzamento” nel confronto con le istituzioni.

I lavori del workshop sono stati conclusi dal Presidente Regionale CONFAPI, Cav. Giulio Pedicone, che ha rimarcato la bontà dell’intervento posto in essere dalla Regione Abruzzo ma, al contempo, ha auspicato un “maggior” confronto dialettico con la Giunta Regionale, “in particolare con il Presidente Gianni Chiodi” e si è auspicato che, tecnicamente, le procedure per l’erogazione delle suddette misure di sostegno alle PMI abruzzesi abbiano, all’occasione. Queste le sue parole:

la maggior semplificazione burocratica possibile, perché soprattutto in questa fase così delicata non si può più tergiversare nelle pastoie della burocrazia, ma occorre che le pratiche siano molto snelle e facilmente attuabili da tutti gli imprenditori che ne chiedono l’attuazione.

CONFAPI ABRUZZO e API Pescara