Inaugurata la piattaforma digitale gratuita per il Suap a San Giovanni Teatino

DSCN2452L’assessore regionale Alfredo Castiglione: “Una iniziativa per rendere trasparente un servizio essenziale”. Il direttore dell’Arit, Carlo Greco, illustra il software creato direttamente dall’agenzia

SAN GIOVANNI TEATINO (CH) – È stato inaugurato ieri mattina il nuovo Sportello Unico per le Attività Produttive (Suap) di San Giovanni Teatino: un servizio che torna in città dopo 13 anni, nei quali era stato affidato al Patto Territoriale Chietino-Ortonese, ma con caratteristiche del tutto innovative, grazie ad un’intesa con la Regione Abruzzo e l’Azienda Regionale per l’Innovazione e la Tecnologia (Arit).

Il nuovo Suap infatti sarà interamente informatizzato, attraverso una piattaforma creata direttamente dall’Arit per tutti i Comuni della regione, e che sarà sperimentata per la prima volta proprio a San Giovanni Teatino: con il software dedicato, senza bisogno di programmi da installare, ma con una procedura tutta da svolgere su internet (all’indirizzo http://suap.egov.regione.abruzzo.it), i professionisti incaricati e i cittadini potranno iniziare e terminare la loro pratica tutta sul web, compreso il pagamento dei diritti.
«Questa iniziativa – ha spiegato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Alfredo Castiglione – rende trasparente e semplice una delle procedure più richieste agli uffici pubblici, quella relativa alle tante incombenze che si trovano di fronte coloro che intendono aprire o gestire un’attività produttiva. La forza di questo progetto sta nell’unificazione telematica di tutta la modulistica relativa al Suap e la sua adozione in tutto il territorio regionale con grandi benefici per i professionisti che devono compiere più pratiche in diversi Comuni.

DSCN2450L’Arit ha fatto un grande sforzo e in questi momenti si capisce quanto sia importante avere un’agenzia come la nostra che con risorse tutte interne garantisce un lavoro di qualità».

«La mia amministrazione – ha commentato il sindaco, Luciano Marinucci – è stata accusata spesso, specie dalla locale sezione del Pd, di essere presa da una frenesia tutta speciale nell’aprire sportelli di servizio al cittadino: ebbene, questa è la cifra del nostro governo cittadino che sta sperimentando quanto sia efficace questo metodo per essere vicini maggiormente alle necessità dei cittadini. Siamo orgogliosi di essere un’apripista per tutti i Comuni abruzzesi che si gioveranno della nostra esperienza in un servizio sensibile per gli utenti».

«Per i cittadini di San Giovanni Teatino – ha aggiunto l’assessore all’Urbanistica, Alessandro Feragalli – questa è una piccola rivoluzione, visto che fino a pochi mesi fa il Suap era sdoppiato con i disagi che ne conseguivano: una parte si svolgeva a Chieti e l’altra si era tenuti a completarla in municipio. Oggi tutto questo sarà solo un brutto ricordo e chi vorrà addirittura potrà svolgere tutta la sua pratica comodamente seduto davanti al pc attraverso una vera e propria autostrada telematica. Comunque, chi si rivolgerà allo sportello in Comune sa già che troverà due uffici, uno accanto all’altro, che potranno occuparsi della pratica senza far movimentare i documenti».

«In un anno e mezzo – ha chiosato l’assessore alle Attività Produttive, Federico Di Palma – abbiamo inaugurato ben sei sportelli al servizio del cittadino, confermando che il nostro Comune sta diventando un piccolo “distretto per i servizi” con il quale ci avviciniamo sempre di più ai cittadini, riducendo lo scarto con la politica, in tempi in cui l’antipolitica è di moda. Il nostro impegno continua nella direzione di sburocratizzare sempre di più il rapporto con i cittadini».

«Questa piattaforma informatica – ha dichiarato il direttore dell’Arit, Carlo Greco – è la risposta dell’agenzia alla sollecitazione dell’assessore Castiglione che al suo insediamento ci chiese di non guardarci più indietro, ma di pensare al futuro e ai cittadini: così ci siamo concentrati su piccoli progetti sensibili la cui utilità e fattibilità viene verificata preventivamente con gli utenti, principalmente le amministrazioni comunali, come questo del Suap telematico, che rivoluzionerà il rapporto del cittadino con la pubblica amministrazione».