Giulianova-Celano 1-1: Margarita mette in riga, la ripresa delude

GIULIANOVA (TE) – Il Giulianova non riesce a lasciare l’ultimo posto in classifica, nonostante la pesante penalizzazione inflitta alla Villacidrese (oggi vittoriosa) e non va oltre il pareggio casalingo contro il Celano. Gara molto brutta, dove i giallorossi hanno disputato buona parte dell’incontro in superiorità numerica senza rendersi però particolarmente pericolosi.

Come consuetudine il Giulianova alla prima occasione va sotto: al 13’ Gubinelli manca l’intervento di testa, Villa appoggia per l’accorrente Granaiola che non ha difficoltà a battere Merletti. La reazione locale è tutta in un tiraccio di Croce (24’). La gara prosegue senza sussulti, ma l’attenzione si sposta tutta sugli spalti, con alcuni ultras giuliesi entrati in tribuna per contestare vivacemente Cerone e D’Agostino.

Nel momento di maggiore contestazione Olivieri commette fallo di mano in area (26’). Su rigore Margarita spiazza Liverani e rimette in carreggiata i suoi. Il Giulianova ha poi altre due occasioni per passare in vantaggio: al 29’ in contropiede Margarita serve Rinaldi il quale salta Liverani, ma troppo defilato calcia debolmente permettendo alla difesa di liberare; al 45’ bel cross di Gubinelli per la testa di Morga, parata di Liverani che fa carambolare la palla sul palo. Sfortunati i giallorossi.

Nella ripresa si attende la riscossa definitiva, invece la gara scade in una totale mediocrità: al 14’ Soricaro espelle severamente Prizio, Cerone fa esordire Paponetti, ma le azioni si contano sulle dita di una mano. Il Celano si difende diligentemente, Paponetti non è in forma perfetta quando non arriva su un perfetto assist di Rinaldi (22’). Schneider è l’unico a rendersi pericoloso con una conclusione alta (31’) e con un fendente a rientrare, deviato in corner da Liverani. Ma non basta e le contestazioni degli ultrà in tribuna fanno da sfondo all’ennesima giornata no per il Giulianova.

Un pareggio che muove la classifica, ma che non permette ai giallorossi di evitare l’ultimo posto. La classifica è molto corta, basterebbe una vittoria per risollevarsi, ma continuando a rinviare l’appuntamento con i 3 punti (ultimo successo il 26 settembre), la risalita sarà sempre più ardua.

PAGELLE GIULIANOVA:

MERLETTI 6 poco impegnato, incolpevole sul gol

GUBINELLI 5: insicuro, ha sulla coscienza il gol subito

ZOPPETTI 5,5: nel primo tempo insicuro si rifà leggermente nella ripresa

FARAGALLI 5,5: come Zoppetti si riscatta nella ripresa

POLINESI 6: gara dignitosa

MARGARITA 6,5: dai suoi piedi passano i palloni più importanti e realizza il gol che evita l’ennesima sconfitta al Giulianova

CROCE 6: senza infamia e senza lode

BONTA’ 6: esordio da titolare non da buttare

RINALDI 6: fa vedere a sprazzi buone cose, ma commette interventi che potrebbero costare caro

MORGA 5,5: solita gara incolore, non sfrutta a dovere l’unica palla gol

PIRELLI 5,5: anche lui non particolarmente positivo

PAPONETTI 5,5: fuori forma, appare goffo in certe situazioni

SCHNEIDER 6: le conclusioni pericolose della ripresa partono dai suoi piedi

TORBIDONE S.V.

TABELLINO:

GIULIANOVA (4-4-2): Merletti; Gubinelli, Zoppetti, Faragalli, Polinesi; Margarita, Bontà, Croce, Rinaldi (28’ st Torbidone); Morga (16’ st Paponetti), Pirelli (19’ st Schneider).

A disposizione: Robertiello, N. D’Angelo, Coppitelli, Torbidone, Bebeto. All.: Cerone

CELANO (4-3-3): Liverani; Castellan, Prizio, Rapino, Olivieri (1’ st Bacchi); Barbetti, Marfia (23’ st Gentili), Granaiola; Bettini (16’ st Ciolli), Falomi, Villa.

A disposizione: Goletti, Ficorilli, Pacella, Federici. All.: Modica

ARBITRO: Soricaro di Barletta assistenti: De Troia di Termoli e Petrini di Fermo

RETI: 13’ Granaiola, 26’ su rigore Margarita

NOTE: giornata nuvolosa, terreno di gioco in buone condizioni; ammoniti: Rapino, Croce, Marfia, Castellan, Villa, Margarita; espulso: Prizio al 14’ st per condotta violenta; calci d’angolo: 9-6 per il Giulianova; recupero: 1’ pt, 4’ st; spettatori presenti: 855, una quindicina provenienti da Celano, per un incasso di 3768,43 euro.