Fiera di Pasqua in piazza Sacro Cuore a Pescara: un successo

PESCARA – Si è svolta ieri  a Pescara, in piazza Sacro Cuore la ‘Fiera di Pasqua’ con le bancarelle dei prodotti tipici abruzzesi, e il collezionista di libri antichi e messali, ma anche l’artigiana esperta nella lavorazione del tombolo e il fiorista.Si tratta della prima fiera della primavera 2013, affollatissima di cittadini sin dalle prime ore del mattino, un’iniziativa che l’amministrazione comunale ha deciso di promuovere con la Confesercenti per la Domenica delle Palme e  che ha registrato grande  successo. L’assessore al Commercio Gianni Santilli in merito alla manifestazione ha sottolineato:

come abbiamo avuto modo di verificare nel corso dello scorso anno  fiere e mercati rappresentano un evidente elemento di attrazione per il territorio, sia per l’elemento di vivacità che la presenza delle bancarelle costituiscono lungo strade e piazze, sia per l’opportunità offerta ai potenziali clienti di trovare a buon prezzo prodotti di pregio. L’amministrazione comunale di Pescara nell’ultimo anno ha cercato di selezionare le iniziative mercatali, proponendo e autorizzando solo attività di prestigio, portando a Pescara, ad esempio, la storica manifestazione ‘L’Antico e le Palme’ che ha accettato di spostarsi da San Benedetto per tentare, con successo, l’avventura pescarese, e poi Cioccolandia, la Fiera del cioccolato, la Fiera Arti e Mestieri, con la premiazione dei migliori operatori ambulanti del Paese, senza dimenticare la storica ‘Fiera Commerciando nel cuore della città’, che in agosto monopolizza il territorio. Nel 2013 sono già stati confermati tali appuntamenti che sono ormai entrati a far parte della nostra tradizione, con un fitto calendario che però abbiamo deciso di potenziare ulteriormente. Per la Domenica delle Palme, in via eccezionale, abbiamo deciso di promuovere lo svolgimento della ‘Fiera di Pasqua’: 30 stand di antichità, antiquario, artigianato artistico, curiosità e oggettistica, hanno occupato 180 metri quadrati in piazza Sacro Cuore, dove resteranno sino alle 22. E la città ha raccolto il nostro invito, affollando, già dal primo mattino, le bancarelle: grande successo, ovviamente, per gli stand dedicati ai prodotti tipici dell’Abruzzo, tra dolce e salato, da un lato pupe e uova di cioccolato artigianali, dall’altro i nostri formaggi e salumi di cinghiale. Ma grande curiosità anche per gli stand dedicati ai libri, ai fumetti, e ai mobili di antiquariato di gran pregio, iniziativa che ora valuteremo se riproporre anche in occasione dei giorni di festa della Settimana Santa.