Farmacia comunale in vendita, nessuna offerta.

Si sta studiando la rimodulazione della procedura di alienazione.

GIULIANOVA (TE) –  Nessuna offerta formulata all’asta per la vendita della Farmacia comunale al cui avviso, reso noto il 18 ottobre scorso, era stata garantita la massima diffusione venendo pubblicato sull’Albo pretorio del Comune, sul sito istituzionale dell’Ente e, per estratto, sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea, sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e su quotidiani a diffusione locale e nazionale.

Stiamo valutando la possibilità di rimodulare una ulteriore procedura di vendita perché la Farmacia comunale, come stanno facendo moltissimi comuni italiani, e da ultimo la vicina Mosciano S. Angelo, si deve vendere. Una scelta, ribadisco, dolorosa ma necessaria per garantire il rispetto del Patto di stabilità di quest’anno, per il quale stiamo comunque approntando scelte alternative atte a scongiurare lo sforamento al 31 dicembre 2011 nonostante la mancata vendita della Farmacia comunale. Ma rimane il problema del Patto di stabilità per il 2012 e per gli anni a venire.

dice il sindaco Francesco Mastromauro, continuando:

Patto di stabilità, e non buchi al bilancio né tanto meno ‘spese pazze,come è stato insinuato velenosamente da chi ha tutta l’intenzione di creare confusione dando notizie false. La nostra è dunque una scelta obbligata e al tempo stesso strategica per evitare che nei prossimi anni si tagli le gambe alla città e ai cittadini.

Se non si rispetta il Patto di stabilità infatti, una morsa che sta stritolando tutti gli enti locali già duramente colpiti dalle manovre finanziarie, si dovrà fare quello che sinora a Giulianova non è stato fatto, cioè aumentare, e parecchio, le tariffe dei buoni pasto degli alunni, delle rette agli asili nido e il costo del trasporto degli scuolabus, solo per fare un esempio, come illustra desolato il primo cittadino di Giulianova:

E non finirebbe qui, perché dovremmo pure tagliare le spese, sinora da noi garantite, per l’assistenza ai disabili e per gli aiuti alle famiglie in difficoltà economica, che purtroppo stanno aumentando esponenzialmente, senza contare il fatto che saremmo impossibilitati a procedere ad assunzioni, ad accendere mutui per finanziare le opere pubbliche, a fare investimenti per la città. Ma soprattutto ci vedremmo costretti ad aumentare TARSU, TIA e le aliquote IRPEF. A Teramo, ad esempio, proprio un paio di giorni fa l’aliquota IRPEF è aumentata dallo 0,5 allo 0,8%, seguendo l’aumento della TIA e delle tariffe dei passi carrabili, mediamente il doppio o il triplo rispetto a quelle di Giulianova.

Chiede alternative alla vendita della Farmacia comunale serie e praticabili, non le fumoserie approssimative frutto di demagogia e populismo, l’assessore al Bilancio Fabio Ruffini:

Noi abbiamo intrapreso una battaglia serrata all’evasione fiscale, accertando, relativamente agli anni 2008-2009, ben 1.200.000 euro di evasione relativa alla TARSU e circa 1 milione di euro riguardante l’ICI. La Corte dei Conti, non lo si dimentichi, ci ha inserito tra i comuni virtuosi d’Abruzzo, non abbiamo mai sforato il Patto di stabilità e, primi in regione, abbiamo sottoscritto nel 2010 un protocollo con la direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate ai fini della maggiore efficacia dell’azione di lotta all’evasione. Ed inoltre abbiamo vinto, dopo anni di dispute e diatribe, anche il ricorso contro l’ENAM, proprietario della colonia Maltoni Mussolini, che finalmente dovrà versare al Comune oltre 500.000 euro dovuti per i pagamenti ICI.

E conclude Ruffini affermando che stanno facendo tutto il possibile per mantenere i livelli ottimali dei servizi ai cittadini senza mettere loro le mani in tasca, nonostante i tagli subiti dal Governo che nel 2012, un vero anno di lacrime e sangue, saliranno ad oltre 900.000 euro.