Ecocard: cittadini pro-riciclaggio premiati

PESCARA – Una vera e proprio evoluzione ci aspetta per il capitolo rifiuti. In arrivo l’Ecocard, un sistema di agevolazioni fiscali per i cittadini “virtuosi” che sceglieranno di collaborare attivamente nel raggiungimento degli obiettivi di legge in materia riciclo dei rifiuti.

Attraverso la creazione di una Rete regionale con Stazioni Ecologiche e Centri per la raccolta si favorirà il meccanismo per un corretto smaltimento dei rifiuti urbani.

Queste aree saranno controllate dagli operatori dei servizi di igiene urbana che saranno di supporto al cittadino, in particolare per quei rifiuti incombranti, pericolosi (come batterie, toner, ecc.) o apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

Il progetto è in fase di realizzazione e i suoi impianti sono stati finanziati dalla Regione a mezzo del Piano regionale Ambientale e per il 2010/2011 dovrebbe essere pronto. Un progetto di fiscalità ecologica che ci viene illustrato dalle parole di Daniela Stati, assessore regionale all’Ambiente:

“La direttiva regionale prevede che ai cittadini venga fornita una carta magnetica su cui saranno registrati dei “punti ecologici” in rapporto alle quantità/qualità dei rifiuti riciclabili che saranno conferiti agli impianti. I Comuni potranno ulteriormente personalizzare il sistema di accredito, ma il regolamento impone, comunque, di introdurre un sistema di premialità. Perchè la finalità è proprio quella di premiare quei cittadini che, con la loro collaborazione ci aiuteranno ad inserire il rifiuto nel circolo del riciclaggio, consentendoci di raggiungere grandi risultati nella raccolta dei riufiuti”.

Così è intervenuto in conferenza stampa il dirigente del Servizio regionale Rifiuti, Franco Gerardini

“E’ necessario che ai cittadini che attuano buone pratiche ambientali, secondo gli indirizzi di legge, siano riconosciuti bonus fiscali non è possibile che si mettano tutti sullo stesso piano nel pagare la Tarsu o la Tia. E’ necessario dare una svolta qualitativa ai servizi di igiene urbana, fornendone di più efficaci ed economici in cui i cittadini si sentano protagonisti e vedano riconosciuti gli sforzi collaborativi per città più pulite ed ordinate”.