Notizie-Pescara. E’ scontro sullo stadio Adriatico

La Lista Teodoro denuncia numerosi errori tecnici commessi nei lavori allo stadio adriatico:

“Gravi pecche nell’opera di restyling”

Ma per il Vicesindaco è tutto ok.

“E’ il nulla che mi trascolora”. Così definisce l’attuale amministrazione comunale pescarese Gianni Teodoro, consigliere e presidente della Lista omonima.

“Citando Pascoli, trovo che non vi sia una definizione più aderente all’essenza della giunta attuale, che non riesce a garantire certezze neppure sui lavori dei Giochi del Mediterraneo, mentendo spudoratamente: prima avevano detto che i lavori dello stadio Adriatico sarebbero finiti a Novembre, poi hanno spostato tale data a Gennaio, ma ancora siamo lontani dalla meta. Sono sicuro che i lavori termineranno appena in tempo per i Giochi del Mediterraneo, in barba alle legittime aspettative della società Pescara calcio, che è tuttora privata del suo terreno di gioco”.

A chi gli fa notare che ciò è dovuto al tardivo inizio dei lavori, Teodoro rincara la dose: “è un’altra pecca dell’amministrazione di centrosinistra, che era al potere anche allora, e che ha causato quel rallentamento nel processo di organizzazione dei Giochi del Mediterraneo”.

L’altro consigliere della Lista Teodoro, Massimiliano Pignoli, dice di aver rilevato tanto pressappochismo nella gestione dei lavori.

“Siamo andati, io e alcuni colleghi, allo Stadio Adriatico, a constatarne le condizioni, e ho scoperto che la nuova tettoia sulla tribuna maiella è scoperta nelle prime 6-7 file in alto. Incredulo, abbiamo chiesto lumi all’amministrazione comunale. Ci sono state date rassicurazioni sull’effettiva soluzione del problema”.

Ma le pecche nella conduzione dell’opera di ristrutturazione su tale impianto sportivo comunale sembrerebbero non fermarsi qui: “Il progetto iniziale, incalza Pignoli, “non prevedeva l’adeguamento della vecchia struttura” (risalente al 1959,ndr) ad alcuni parametri di sicurezza di cui necessita un’odierna squadra di Prima divisione-ex serie c1, dove milita il Pescara.

I costruttori hanno dovuto effettuare un cambio progettuale in corso d’opera, con esborso di ulteriore denaro. Gli errori possono avvenire, ma tale disattenzione si poteva evitare.

Il vicesindaco D’Angelo, nei giorni scorsi, a più riprese ha assicurato che tutti i lavori inerenti ai Giochi del Mediterraneo saranno correttamente eseguiti entro l’inizio dei giochi, previsti a Giugno: “Stiamo ultimando i lavori a tempo di record, abbiamo avuto anche il placet sulle autorità politiche e sportive che hanno il compito di controllarci, quindi sento il dovere di rassicurare tutti i cittadini”