Convegno all’Università D’Annunzio di Chieti: Carabinieri e il ruolo dei N.A.S.

CHIETI SCALO (CH) – Martedì 20 novembre, alle ore 9.00 presso l’Auditorium Rettorato dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” in Via dei Vestini 31 a Chieti Scalo, si terrà un convegno sul ruolo del Nucleo Antisofisticazione e Sanità dell’Arma dei Carabinieri. Interverranno: il Capitano Marcello Sciarappa, il Comandante N.A.S. di Pescara Enrico Marchi, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise.

Per i saluti – Carmine Di Ilio Rettore Università degli Studi Gabriele d’Annunzio Chieti-Pescara, Tiziano Zuccarini Presidente Azienda per il Diritto allo Studio Universitario Chieti-Pescara, Pasquale Elia Presidente Associazione di Volontariato Onlus “Erga Omnes”.

L’Arma dei Carabinieri ha sempre avuto tra i suoi compiti quello di vegliare sulla salute pubblica attraverso la vigilanza sulla genuinità delle sostanze alimentari. Ai militari appartenenti al reparto sono stati conferiti dal Ministero della Salute il potere di Ispettori Sanitari e possono intervenire con i controlli, nell’arco diurno e notturno, in tutti gli esercizi ove vi è produzione, somministrazione, deposito o vendita di prodotti destinati all’alimentazione.

Successivamente le stesse competenze si sono estese anche in altri settori, quali la sanità marittima, aerea e di frontiera, in particolar modo nella profilassi internazionale delle malattie infettive nonchè nella produzione e vendita di prodotti medicinali (vaccini, virus, sieri e omeopatici), prodotti cosmetici e di erboristeria, nella produzione di presidi medico-chirurgici e diagnostici, nel settore veterinario e nella produzione e commercio legale delle sostanze stupefacenti per uso farmaceutico.

Le norme relative ricevettero dettagliata menzione nell’allegato C al Regolamento Generale dei Carabinieri edito nel 1892 ed in quello del 1912.A seguito della legge n. 283 del 30 aprile 1962, relativa alla disciplina igienica della produzione e commercio delle sostanze alimentari e delle bevande, l’Arma, d’intesa con i Ministeri della Sanità e della Difesa, dispose la creazione nelle principali città, dei primi sei N.A.S. Carabinieri, (Nuclei Anti Sofisticazioni), che oggi per l’ampliamento dei campi d’intervento, vuol dire “Nuclei Antisofisticazioni e Sanità”.

Istituiti, inizialmente, solo nelle grandi città, i N.A.S. ampliarono progressivamente le proprie strutture, fino a giungere a quella recente, basata su di un organismo centrale – il Comando Carabinieri per la Sanità, retto da un colonnello – presso il Ministero della Sanità, tre Comandi di Gruppo A.S., retti da tenenti colonnelli, a Milano, Roma e Napoli, e 34 N.A.S., al comando di marescialli dislocati nelle principali città. Dal 1° luglio 1996 il Comando Carabinieri Antisofisticazioni e Sanità e il Comando Carabinieri Antidroga si sono unificati assumendo la denominazione di “Comando Carabinieri per la Sanità”.

Per le innumerevoli benemerenze acquisite nei settori di loro competenza, i Carabinieri dei N.A.S. hanno guadagnato, per la Bandiera dell’Arma, 3 Medaglie d’Oro al Merito della Sanità Pubblica.