Chieti-Prato 3-1: basta un tempo, all’Angelini è “Vitone Show”

Il centrocampista neroverde ispiratissimo inventa ed un Chieti cinico fa sua la partita, chiudendo con tre gol la partita già nel primo tempo

CHIETI – Allo Stadio Guido Angelini va in scena il “Vitone Show”: il giocatore contribuisce in maniera determinante alla bella vittoria del Chieti sul Prato con tre assist su altrettanti goal!  Grandissima prestazione del centrocampista, migliore in campo in assoluto, che con le sue giocate ha illuminato la giornata risultando determinante per il risultato finale.

I neroverdi, scesi in campo con la ferma intenzione di vendicare l’ingiusta sconfitta della scorsa domenica contro la capolista Carpi, fanno dunque risultato pieno contro un Prato che non ha certo fatto vedere grandi cose. Il tecnico Vivarini schiera sin dall’inizio Serpico e Cardinali al posto di un acciaccato Pepe e dello squalificato Bigoni: i due non faranno rimpiangere gli assenti, risultando fra i migliori.

Il Chieti si porta in vantaggio al 7′: Vitone imbecca in area Esposito che opera un cross rasoterra sul quale si avventa Buttazzoni che, a porta sguarnita, deposita in rete. Il Prato sembra accusare il colpo, anche se c’è un timido tentativo di reazione con un colpo di testa di Silva Reis che però finisce abbondantemente a lato al 15′.

Due minuti l’attaccante si ripete con un gran tiro dalla distanza impegnando severamente un attento Bifulco che devia la sfera in angolo con un prodigioso intervento. Al 22′ è di nuovo la squadra toscana a farsi pericolosa con un bel colpo di testa in tuffo di De Agostini che su cross di Piantoni lambisce il palo. Ancora Prato pochi minuti dopo con Zagaglioni che chiama Bifulco ad una nuova impegnativa parata: è questo il momento migliore della squadra di Mister Bellini, ma si rivelerà un fuoco di paglia.

Il Chieti riprende infatti in mano le redini della gara: prima Pazzagli  interviene sui piedi di Esposito in uscita e poi al 36′ Rosa raddoppia su precisa imbeccata dall’angolo del solito immenso Vitone. Ma non è finita: appena quattro minuti più tardi punizione dello stesso Vitone dalla fascia che imbecca Ferretti che con un preciso colpo di testa infila per la terza volta un incolpevole Pazzagli. È il tripudio: la partita è chiusa ampiamente in anticipo visto quanto di poco farà il Prato per riequilibrare le sorti del match nella ripresa.

Pochi in realtà gli episodi da segnalare nella seconda frazione di gioco: inconcludenti i toscani e molto concreti ed attenti i teatini bravi a tenere buoni gli avversari. Ferretti spara alto da buona posizione al 4′. Incredibile traversa di Vitone al 28′ con un tiro telecomandato che si stampa sul legno superiore della porta avversaria: il goal sarebbe stato il giusto premio per una prestazione maiuscola per il centrocampista neroverde che non ha sbagliato veramente nulla durante il match, orchestrando alla grande il gioco della sua squadra.

Due minuti dopo Bifulco nega il goal a Vangi con uno strepitoso balzo di istinto. Al 36′ ancora Vitone ci prova su punizione con un tiro che fa la barba al palo: è proprio destino che la palla non entri per il bravissimo neroverde. Al 40′ una staffilata su punizione da fuori di Silva Reis regala al Prato il goal della bandiera. L’arbitro decreta ben cinque minuti di recupero, durante il quale c’è ancora il tempo di vedere un’altra straordinaria azione di Vitone che si beve un avversario dopo l’altro ma alla fine spara sull’unico rimasto a sbarrargli la strada prima di una possibile conclusione vincente.

Finisce dunque 3-1 per il Chieti: è festa grande ed i tifosi continuano a sognare. La squadra veleggia alta in classifica: ora ci sarà la pausa, poi alla ripresa la trasferta di Fano. Dove può arrivare la squadra di Vivarini? Sarà il tempo a dare la risposta: in questo momento si ha la consapevolezza di potersela giocare con tutti, visto il bel calcio che i neroverdi esprimono sia in casa che fuori e dunque avanti così nella speranza di poter ambire a traguardi prestigiosi!

LE INTERVISTE:

Queste le impressioni a caldo del tecnico del Chieti Vivarini, del Vice Presidente del Prato Nicola Radici e del bomber  del Chieti Alessio Rosa.

L’ALLENATORE  DEL CHIETI VINCENZO VIVARINI: “Abbiamo lavorato bene in settimana. È stata una partita tutta sostanza, ma anche di sofferenza, dunque merito ai ragazzi per la prestazione. Siamo stati più incisivi e concreti rispetto ad altre occasioni. Certo al Prato mancavano giocatori importanti, ma è comunque una squadra ben messa in campo che ci ha messo in difficoltà. La cosa che mi è piaciuto maggiormente è stata quella voglia e umiltà nel cercare di  non subire il gioco avversario.

Abbiamo fatto tre goal nel primo tempo, dovendo così gestire il risultato nella seconda frazione: non abbiamo sbagliato atteggiamento come in altre partite arrivando così alla vittoria. Siamo stati forse meno belli del solito, ma cinici sotto porta: altre volte non era successo. Non scopriamo ora il valore di Vitone: è importantissimo per noi, sta facendo divertire i tifosi già dallo scorso anno. Quando la squadra gira e si creano occasioni per lui, è bravissimo nel mettere i compagni in condizione di fare buone giocate. Dobbiamo giocare bene, cercando così di far mettere in evidenza i nostri giocatori, obiettivo primario per noi. Puntiamo a salvarci: faremo i bilanci a Gennaio. Conosciamo i problemi che la squadra ha, anche la città deve capire questo. Bisogna confermare le buone prestazioni, il campionato è lungo, aspettiamo a fare sogni di gloria”.

IL VICE PRESIDENTE DEL PRATO NICOLA RADICI: “Sicuramente questo di oggi è un passo indietro rispetto a quanto di buono fatto vedere contro la Carrarese. Nel primo tempo abbiamo visto un buon Prato punito in maniera cinica da un ottimo Chieti. Mi sembra giusto chiedere scusa ai nostri tifosi arrivati qui dopo tante ore di viaggio: dico questo perché, dopo che alla fine del primo tempo si perde 3-0,  non si hanno attenuanti. Ho parlato con la squadra ed ho chiesto che si volti subito pagina, non è un campionato in cui si può arrivare lontano se si gioca in questo modo. Ci vuole umiltà, facendo  punti anche  a volte buttando la palla in tribuna, come abbiamo fatto in altre occasioni portando a casa il risultato. Non siamo ancora maturi per fare risultati con continuità: venivamo da un periodo buono, a Chieti non siamo entrati mai realmente in partita e non è un buon segno ”.

IL BOMBER DEL CHIETI ALESSIO ROSA: “A Chieti sto molto bene, a fine anno vado in scadenza di contratto: a dicembre mi incontrerò col presidente e vedremo cosa fare. Io devo molto alla squadra, alla società, ai tifosi. Sono stato bravo a ripagarla: all’inizio non molti avrebbero puntato su me, invece ora ho sei goal in dieci partite.

Vorrei arrivare ai playoff con i miei compagni e per me a doppia cifra. Ho fatto oggi un goal frutto di uno schema preciso: Nando mette la palla dove vuole e lo ha fatto alla grande, Emiliano ha fatto il blocco ed io sono stato bravo ad incrociare sull’altro palo. In altre partite mi è andata male. È uno schema che proviamo spesso, anche l’anno scorso mi ha portato a segnare in varie occasioni ”.

TABELLINO PARTITA:

CHIETI-PRATO 3-1

CHIETI: Bifulco, Cardinali, Ferretti, Amadio, Mucciante, Serpico, C.Esposito (dal 1’st Sabbatini), Vitone, Rosa (dal 35’st M.Esposito), Buttazzoni, Berardino (dal 25’st Fiore). A disp. D’Ettorre, Safon, Pepe, D’Ancona. All. Vivarini

PRATO: Pazzagli, Sacenti, De Agostini, Corvesi, Lamma, Ferri, Fogaroli, Zagaglioni (dal 5’st Varutti), Silva Reis, Morosini (dal 10’st Vangi), Piantoni (dal 29’st Vaz Costa). A disp. Cherubini, Visibelli, Guarisa, Gialdini. All. Bellini

ARBITRO: Fogliano di Perugia (Serpilli di Ancona – Camillucci di Macerata)

RETI: 7′ Buttazzoni, 36′ Rosa, 40′ Ferretti, 40’st Silva Reis

NOTE: Giornata di sole, terreno in ottime condizioni. Spettatori 1.000 circa. Angoli 4-8. Ammoniti: C.Esposito (Ch), Lamma, Zagaglioni, Morosini, Piantoni (Pr). Recupero: pt 1′, st 5′