Catarra e Marconi incontrano oggi il Sottosegretario Giuseppe Castiglione

Presenteranno un pacchetto di proposte per i vongolari

TERAMO – Il fermo biologico e quello volontario, le mutate condizioni della fauna ittica, la necessità di innovare e ridurre i costi: di tutto questo racconta il pacchetto di proposte che questa mattina il presidente della Provincia di Teramo, Valter Catarra e l’assessore all’Ambiente, Francesco Marconi, porteranno a Roma dal Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe Castiglione.Dopo aver incontrato in più assemblee gli operatori di questo comparto della pesca è stato messo a punto insieme ai Consorzi di riferimento un pacchetto di proposte per garantire un sostegno al reddito ai vongolari nei lunghi periodi di ferma (attualmente quasi 9 mesi); incentivi alle dismissioni per chi è vicino alla pensione; finanziamenti per riconvertire le turbosoffianti.

“I problemi sono molti e al di là delle legittime rivendicazioni di un comparto che vede venir meno la sussistenza economica e che rischia di diventare uno dei settori che allungheranno la lista di coloro che rimangono senza un’occupazione, non vi è dubbio che esistono una serie di nodi irrisolta anche in rapporto alla ripopolazione ittica e ai problemi che determinano la moria delle vongole – afferma il Presidente – argomenti verso i quali i pescatori mostrano una particolare sensibilità nella consapevolezza che dal giusto equilibrio dell’ecosistema marino dipende la produttività del loro lavoro e anche la salvaguardia di un prodotto italiano che caratterizza la nostra offerta enogastronomica. Abbiamo già avuto modo di sensibilizzare il Sottosegretario su questi argomenti e ci auguriamo che sulle proposte formulate vi possa essere un’apertura da parte del Governo”.