“Baccini canta Tenco” a Pescara

Il cantautore fa tappa con il suo ambizioso progetto al Teatro Massimo di Pescara domani nell’ambito del Festival delle Letterature

PESCARA – Baccini festeggia i suoi vent’anni di carriera portando in giro per l’Italia uno spettacolo musicale dedicato al grande Luigi Tenco. Farà tappa domani sera al Teatro Massimo di Pescara nell’ambito del Festival delle Letterature: il cantautore genovese riceverà il premio “Parole e Musica. Torri Camuzzi”.

“Baccini canta Tenco” è un progetto ambizioso, un vero viaggio alla scoperta del mondo di Tenco che vede coinvolti alcuni fra i migliori artisti italiani. La regia dello spettacolo è del compianto Pepi Morgia, recentemente scomparso.

“Nel mio album del 2010 ho inserito una versione di “Vedrai vedrai”registrata in studio dal fonico a mia insaputa – ha spiegato Baccini nell’incontro di presentazione tenutosi alla Feltrinelli di Pescara – e poi l’ho eseguita nei bis dei miei concerti per testare la reazione della gente. Nei miei viaggi in macchina è nata l’idea di ampliare la cosa portando in giro un concerto di Tenco. Lui non ha mai potuto realizzare il sogno di fare un recital in cui cantare e raccontare (così ho letto in una sua intervista) e ho interpellato Pepi Morgia”.

“Non volevo un semplice tour di cover – continua – ma dare un vestito nuovo alle sue canzoni: le incisioni dell’epoca suonano quasi “in bianco e nero” e quindi ho cercato di fare un omaggio a lui: è folle misurarsi con un mito, ma l’ho fatto senza secondi fini. Lui e De Andrè furono i primi cantautori che ascoltai a 13 anni.

La canzone d’amore è quella di Tenco. È un caso poi che molti mi accostino a lui come somiglianza fisica. Nello spettacolo mi è piaciuto inserire anche il lato più ironico del suo modo di fare musica. Uscirà il 28 novembre un disco, completamente acustico: c’è solo qua e là un po’ di chitarra elettrica. Le canzoni di Tenco hanno 50 anni, ma sembrano scritte da me oggi, danno un’immagine a 360 gradi della vita, lui non era solo quello triste e malinconico che molti vogliono fare apparire”.

Baccini conclude con una frase che la dice tutta sull’ammirazione che nutre per il cantautore: “Tenco era troppo avanti, diceva le cose in maniera diretta, un intellettuale che non faceva l’intellettuale, scriveva in una maniera che tutti potevano comprendere. Trovo in lui tante analogie con Pasolini. Il migliore complimento che mi hanno fatto su questo progetto è arrivato proprio dalla famiglia Tenco: “Se Luigi assistesse allo spettacolo ne sarebbe orgoglioso”.

Tornando al concerto, Pepi Morgia ha usato luci bianche proprio per cercare di immaginare come sarebbe stato uno spettacolo di Tenco. Con Armando Corsi abbiamo dato un taglio agli abiti barocchi e messo jeans e maglietta alle canzoni per renderle al meglio, semplificando gli arrangiamenti, ma sempre guardando con molta fedeltà agli originali”.

“Baccini canta Tenco” ha vinto il premio “Enriquez Sirolo 2011” come miglior tour dell’anno ed un premio speciale al MEI 2011. I biglietti per la data pescarese costeranno 20 e 15 euro a seconda dei settori. Si ringrazia l’Ufficio Stampa Mente Locale.

[Foto di Serena Vittorini  per gentile concessione]